62 episodes

La quarta stagione del podcast di Francesco Costa per raccontare l'America che nel 2020 andrà al voto per la Casa Bianca.

Prodotto da Piano P.
Logo by Ghigo Gabellieri

Da Costa a Costa Piano P

    • News
    • 4.7, 817 Ratings

La quarta stagione del podcast di Francesco Costa per raccontare l'America che nel 2020 andrà al voto per la Casa Bianca.

Prodotto da Piano P.
Logo by Ghigo Gabellieri

    S04E14. È stato Bill Gates

    S04E14. È stato Bill Gates

    In questi mesi Bill Gates è diventato per molti l'uomo che ha creato il Coronavirus, oppure che vuole sfruttarlo per guadagnare un sacco di soldi, oppure che vuole approfittarne per mettere la popolazione mondiale sotto il suo controllo, oppure che ha già brevettato il vaccino, oppure che vuole iniettarci del mercurio nelle vene e controllarci attraverso le reti 5G (?!). Ma c'è davvero qualcosa di controverso o sospetto nelle attività filantropiche di Bill Gates e nelle sue iniziative legate alla pandemia? Perché uno dei più generosi, ambiziosi ed efficaci filantropi al mondo è diventato l'uomo dietro ogni teoria del complotto sul coronavirus?
    Cercare di capire le ragioni e i meccanismi che hanno portato a questa situazione è un buon modo per ragionare sulla vita e sulle scelte di un imprenditore di straordinario successo, delle attività e dimensioni senza precedenti della sua fondazione benefica e soprattutto su di noi: sul perché le teorie del complotto nascono, attecchiscono e circolano così tanto, e cosa possiamo fare per contrastarle.

    • 36 min
    S04E13. Ancora più perfetta

    S04E13. Ancora più perfetta

    Se è vero che il razzismo negli Stati Uniti va molto oltre i comportamenti individuali ed è il frutto di una storia secolare di oppressione dei neri con tutta la forza dello Stato – ed è vero – allora è vero anche che le persone che negli Stati Uniti dicono o pensano ancora cose razziste lo fanno per ragioni che hanno più a che fare con il fortissimo e tossico lascito culturale di questa storia, per l'ambiente in cui sono vissuti, per i modelli che hanno avuto, piuttosto che per i loro limiti personali. Il movimento "Black Lives Matter" sta già ottenendo risultati promettenti, ma una parte del suo successo dipenderà dalla persuasione oltre che dalla forza. Almeno una parte delle persone che dicono o pensano ancora cose razziste non va sconfitta: va convinta. Anche le loro idee – sbagliate e da superare – vanno inquadrate come parte di una storia secolare. L'ultima volta che qualcuno ci ha provato era il 2008. L'allora senatore Barack Obama, nel momento più complicato della sua prima campagna elettorale, pronunciò un discorso che fu definito istantaneamente "storico".

    Questo episodio è stato prodotto con il sostegno di LingQ https://www.lingq.com/it/dacostaacosta/

    • 36 min
    S04E12. John Lewis

    S04E12. John Lewis

    È nato in una fattoria dell'Alabama senza acqua ed elettricità, isolato dai bianchi e senza poter nemmeno prendere un libro in prestito in biblioteca. È diventato da giovanissimo uno dei leader nazionali del movimento per i diritti civili degli afroamericani. È stato arrestato e picchiato decine di volte, senza mai reagire o perdere la pazienza. Dal 1986, e ancora oggi, è un deputato eletto ogni due anni in Georgia. La storia straordinaria di John Lewis ci mostra quanto sia cambiata e migliorata la condizione degli afroamericani negli Stati Uniti, e soprattutto per mezzo di quali azioni e sacrifici, come le tre marce di Selma del 1965. Ma ci racconta anche quanto sia vicinissimo a noi il passato secolare di schiavitù e segregazione che continua ad avere conseguenze gravi sugli afroamericani, visto come hanno imbevuto di razzismo non solo le teste delle persone ma soprattutto le leggi, le città, le consuetudini, il funzionamento stesso della società.

    Questo episodio è stato prodotto con il sostegno di LingQ https://www.lingq.com/it/dacostaacosta/

    • 37 min
    S04E11. Questi maledetti sondaggi

    S04E11. Questi maledetti sondaggi

    Dopo che nel 2016 Donald Trump ha vinto le elezioni ribaltando i pronostici, è difficile capire come comportarsi, stavolta, con i sondaggi delle elezioni presidenziali: e dopo che quattro anni fa molti hanno sbagliato pensando che “Trump non può vincere”, molti oggi pensano che “Trump non può perdere”, pure se i sondaggi lo danno in svantaggio.
    Ma quindi sappiamo già come andrà a finire? I sondaggi non servono proprio a niente? E dato che, volenti o nolenti, nei prossimi cinque mesi sentiremo parlare moltissimo di sondaggi, come possiamo capire di quali possiamo fidarci e di quali no, e cosa ne possiamo trarre? Cerchiamo di scoprirlo innanzitutto comprendendo a cosa servono i sondaggi, e poi facendoci aiutare da Lorenzo Pregliasco, co-fondatore dell'istituto demoscopico Quorum e del magazine YouTrend. Pregliasco ci darà qualche dritta concreta per leggere i sondaggi come li leggono gli esperti.

    • 32 min
    S04E10. Geronimo

    S04E10. Geronimo

    Nove anni fa il più famoso e ricercato terrorista al mondo, il leader di al Qaida, l'uomo che aveva progettato decine di attentati sanguinari contro i civili, fu trovato e ucciso in Pakistan dalle forze speciali americane. Se le cose fossero andate male, molti soldati americani sarebbero morti, i rapporti col Pakistan sarebbero stati compromessi, la figuraccia globale sarebbe stata gigantesca e l'allora presidente Barack Obama avrebbe dato ragione a chi lo considerava ingenuo e inesperto. La storia di quell'operazione – che contiene anche un personaggio non scontato: Donald Trump – può insegnarci qualcosa sul ruolo del presidente e sul modo in cui esercita la sua leadership.

    • 38 min
    S04E09. Chi guiderà il nuovo mondo

    S04E09. Chi guiderà il nuovo mondo

    L'epidemia da coronavirus è il più grande evento globale dai tempi della Seconda Guerra Mondiale, e può accelerare grandi cambiamenti geopolitici che erano già in corso prima che arrivasse il Covid-19: la grande ascesa della Cina verso la leadership globale e la ritirata degli Stati Uniti dallo scenario internazionale.

    Se all'inizio dell'epidemia sembrava che proprio la Cina potesse risultarne particolarmente danneggiata, oggi le cose sono cambiate: il fatto che Pechino sembri in grado di uscirne prima degli altri e l'aggressività con cui il suo governo sta portando avanti la cosiddetta "diplomazia delle mascherine" suggeriscono che le cose potrebbero andare diversamente. E restituirci tra qualche anno un mondo in cui la Cina ha preso il posto degli Stati Uniti.

    • 38 min

Customer Reviews

4.7 out of 5
817 Ratings

817 Ratings

lucinico2000 ,

Podcast fenomenale

Ho scoperto da poco il mondo dei podcast e l’ho fatto nel migliore dei modi: ascoltando dal inizio fino alla ultima puntata disponibile questo meraviglioso podcast. Sono sempre stata affascinata dagli Stati Uniti e trovare un giornalista serio e preparato che parla di tutte quelle cose che mi hanno sempre incuriosita dell America e stato per me una gran rivelazione!! Da allora aspetto con impazienza ogni puntata e con ogni puntata apprezzo sempre di più le professionalità di Francesco Costa.
Peccato poter dare solo 5 stelle!!

panemaionese ,

Obama 2008

Non conoscevo questo discorso e mi è piaciuto davvero tanto; vorrei che potessimo avere la stessa fierezza della diversità anche noi cittadini dell’UE. Sono figlia di una profuga fiumana, ho vissuto la giovinezza durante la guerra fredda, ho assorbito in famiglia il sospetto contro gli “Slavi” e i “Comunisti”, insieme però alla passione per la libertà e i principi liberali, che sono una specie di vaccino contro l’odio per il diverso. Grazie per questo podcast

Dodalf ,

Attualità e ricostruzioni storiche

L‘ascolto del podcast di Francesco Costa è un appuntamento che attendo con impazienza.
Le sue conversazioni sono intelligenti e informate, non solo con riguardo all’attualità ma anche nel loro aspetto di ricostruzione storica, ricostruzione che aiuta tanto a meglio comprendere quello che stiamo vivendo.

Top Podcasts In News

Listeners Also Subscribed To