10 episodi

Un secolo e mezzo di storia delle Esposizioni Universali. Un tempo mosso, all’origine, da una spinta ideale superlativa: chiamare a raccolta gli esseri umani di ogni parte del mondo a mostrarsi reciprocamente ciò che di più bello e utile avevano creato. Un tempo ritmato, peraltro, anche da utilitarismo, egoismi, doppi fini, desiderio di potere. Un tempo affollato di eccezionali eventi storici e personaggi memorabili. Le vicende attraversate dalle molte Expo tenutesi a partire dal 1851 riflettono tutto questo: in una cavalcata travolgente si racconta di un giardiniere che costruisce palazzi, di nazioni che si scontrano con accanimento secolare, di artisti che creano capolavori, di una ballerina che strega un re, di ciclopici progetti falliti, di piccole invenzioni che cambiano la storia dell’umanità.

Expo, storie di bellezza e genialit‪à‬ Paolo Colombo - Il Sole 24 Ore

    • Storia
    • 3,3 • 14 valutazioni

Un secolo e mezzo di storia delle Esposizioni Universali. Un tempo mosso, all’origine, da una spinta ideale superlativa: chiamare a raccolta gli esseri umani di ogni parte del mondo a mostrarsi reciprocamente ciò che di più bello e utile avevano creato. Un tempo ritmato, peraltro, anche da utilitarismo, egoismi, doppi fini, desiderio di potere. Un tempo affollato di eccezionali eventi storici e personaggi memorabili. Le vicende attraversate dalle molte Expo tenutesi a partire dal 1851 riflettono tutto questo: in una cavalcata travolgente si racconta di un giardiniere che costruisce palazzi, di nazioni che si scontrano con accanimento secolare, di artisti che creano capolavori, di una ballerina che strega un re, di ciclopici progetti falliti, di piccole invenzioni che cambiano la storia dell’umanità.

    09. Cos’è il futuro

    09. Cos’è il futuro

    L’expo di Osaka 1970 lascia una grande lezione: con un gesto ad altissima caratura simbolica si realizzano due ‘capsule del tempo’ da seppellire a memoria dell’altissimo grado di evoluzione tecnologica raggiunto dalla civiltà umana (e dal mondo nipponico in particolare!) in quel tempo, che pare proiettato nel futuro. Ma, a rivedere la maggior parte di quei 2098 oggetti, ciò che pareva d’avanguardia allora risulta ora terribilmente obsoleto. Cos’è davvero il futuro? Che senso ha inseguire affannosamente le novità della tecnologia? Forse per guardare davvero avanti dobbiamo voltarci indietro a rimetterci in equilibrio con l’ecosistema che ci circonda. Lo suggerisce un’expo ancora giapponese, Aichi 2005, il cui tema è appunto “La saggezza della natura”. Un tema che risuona nella cultura nipponica in mille forme: una, importantissima, sono i manga, che hanno una storia secolare alle spalle. Grandi capolavori del mondo dei cartoon ce lo raccontano ormai da decenni. A ben guardarli ritroviamo in essi lo scopo stesso delle Esposizioni Universali tutte: testimoniare il genio umano e il gusto dei grandi maestri della nostra cultura.

    • 12 min
    08. Novità esplosive

    08. Novità esplosive

    Quando, dopo il conflitto, si torna a tessere la trama delle Esposizioni, siamo a Bruxelles ed è il 1958. Piena era post-atomica: l’atomo è presente ovunque, simbolo dell’enorme potere della scienza umana e spettro terrorizzante che incombe sul futuro di un’umanità spaccata in due dalle raggelanti logiche della Guerra Fredda. L’emblema di quell’evento, l’Atomium, è un monumento che rappresenta un atomo del ferro ingrandito 150 miliardi di volte, alto più di 100 metri: il significato non è abbastanza chiaro?
    Sarà esplosiva, per ben altri motivi, anche l’expo successiva: Montreal 1967. Anni ’60, anni di rivoluzione giovanile, anni di cambiamenti travolgenti, anche in piccoli grandi dettagli: quando le hostess del padiglione inglese si presentano sorprendentemente in minigonna, scoppia una vera bomba nel mondo della moda e del comune senso del pudore. Il mondo sta cambiando.

    • 8 min
    07. L’Expo che non c’è

    07. L’Expo che non c’è

    Nel 1942 ancora l’Italia avrebbe dovuto essere protagonista, con un’Esposizione Universale organizzata a Roma come risposta fascista alle Olimpiadi grandiosamente allestite dalla Germania nazista a Berlino nel 1936. Avrebbe anche dovuto essere l’occasione per riprogettare una parte della capitale: ci si inizia a lavorare prima dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale e – illogicamente – si continua a farlo ancora in pieno conflitto, quando oramai è evidente che l’Expo non potrà aver luogo. I segni rimangono tuttora visibili nel tessuto urbanistico della capitale e sono un invito a ripensare, con serenità ed equilibrio, all’eredità lasciataci dal Ventennio.

    • 12 min
    06. Un’Expo incendiaria e una ballerina di fuoco

    06. Un’Expo incendiaria e una ballerina di fuoco

    Nel 1906 l’Italia, con Milano, è protagonista dell’Expo: ma quella eccezionale prima volta è segnata da un incidente che sfiora la tragedia e conserva ombre di mistero. Un incendio divampa nei padiglioni: colpevole carenza di sorveglianza? Dolo? Le ipotesi si rincorrono. I danni sembrano irrimediabili, ma la proverbiale laboriosità meneghina mette riparo a tutto a tempo di record e l’Esposizione arriverà felicemente in porto.
    Anche l’expo di Barcellona 1929 va ricordata per un evento incendiario, ma di tutt’altra natura. Al padiglione spagnolo si esibisce una ballerina di flamenco sedicenne, geniale, avveniristica, tutta “fuoco e fiamme”. Sua Maestà Alfonso XIII resterà stregato dalla sua performance: lei si chiama Carmen Amaya e farà la storia della danza.

    • 11 min
    05. Cono o coppetta

    05. Cono o coppetta

    All’Esposizione di Saint Louis del 1904, tra i primi frigoriferi e l’ultimo grande condottiero pellirosse (Geronimo) viene portata sulla scena del mondo anche un’invenzione destinata a trasformare il nostro rapporto con uno dei massimi piaceri gastronomici che il genio umano (soprattutto italiano) abbia mai creato: il gelato. Perché è lì che per la prima volta fa la propria comparsa il cono di cialda: ma dietro a questa apparizione c’è un vero e proprio mistero. Chi lo ha inventato? Dove? E come? Un mistero fitto di implicazioni. E non ancora del tutto risolto.

    • 6 min
    04. La Tour Eiffel e il Liberty

    04. La Tour Eiffel e il Liberty

    Le Esposizioni Universali lasciano segni imperituri nella storia. È il caso di Parigi 1889, dalla quale ereditiamo niente meno che la Tour Eiffel, un simbolo tra i più celebrati della modernità. E pensare che alla sua comparsa si grida alla profanazione e si proporrà addirittura di demolirla. La torre svettare comunque ancora sulla Parigi che torna ad ospitare l’Expo proprio al cambio di secolo: nel 1900. È lì che il fascinoso stile liberty trova la propria massima espressione attraverso geniali creazioni architettoniche destinate a imprimersi nella memoria di milioni e milioni di turisti: cattedrali? monumenti? No. Antri che conducono nel cuore della terra e nei meandri della nostra fantasia: gli ingressi della metropolitana!

    • 8 min

Recensioni dei clienti

3,3 su 5
14 valutazioni

14 valutazioni

gifufufhcfjxg ,

Yuchi’s

I'm Lafraid there's a small problem with the app I just experienced. inappropriate interface. eye-catching layout!

Top podcast nella categoria Storia

A cura di: Fabrizio Mele
Focus
Curato da: Alessandro Datome
Marco Cappelli
Paolo Colombo - Chora
Intesa Sanpaolo

Potrebbero piacerti anche…

MAX CORONA
A cura di: Fabrizio Mele
Will Media - ISPI
Dog-Ear
Alessandro Gelain
Gli Ascoltabili