18 episodi

Intelligenza artificiale (IA): è una definizione che appare nei contesti più diversi, in particolare dagli inizi di quest'anno 2017. C'è un motivo: una quota molto alta delle nuove tecnologie utilizza sistemi di gestione delle fabbriche e dei servizi nei quali si mettono in campo algoritmi intelligenti, macchine che apprendono, che interpretano miliardi di dati. Si può definire tutto ciò intelligenza? E poi: come può essere che si parli di intelligenza artificiale se le neuroscienze non hanno una definizione di quella nostra, di intelligenza. Non v'è dubbio che, solo per citare un'area di ricerca, la robotica stia producendo strumenti con grandi prestazioni. Quello che è importante capire, tuttavia, è che ci sono tante intelligenze diverse, che le macchine possono essere molto brave in una direzione e…stupidone in un'altra, e che in certi casi questo deficit può essere addirittura utile! E poi che dalle ricerche sull'IA potranno derivare indicazioni su come noi, umani, gestiamo i nostri comportamenti, la nostra mente. Ci sono anche zone un po' oscure su cui indagare, per esempio le macchine che si scrivono, da sole, i propri algoritmi. Bisognerà saperli verificare, no?Sta emergendo un nuovo palcoscenico, inoltre, sul quale uomini e macchine collaboreranno insieme per costruire un linguaggio comune e raggiungere obiettivi che nessuno dei due potrebbe realizzare separatamente. IA-Intelligenza in prima linea propone un viaggio in 18 puntate, condotte da Federico Pedrocchi, dentro le mille facce dell'Intelligenza Artificiale.

Intelligenza Artificiale Radio 24

    • News
    • 4.3 • 8 valutazioni

Intelligenza artificiale (IA): è una definizione che appare nei contesti più diversi, in particolare dagli inizi di quest'anno 2017. C'è un motivo: una quota molto alta delle nuove tecnologie utilizza sistemi di gestione delle fabbriche e dei servizi nei quali si mettono in campo algoritmi intelligenti, macchine che apprendono, che interpretano miliardi di dati. Si può definire tutto ciò intelligenza? E poi: come può essere che si parli di intelligenza artificiale se le neuroscienze non hanno una definizione di quella nostra, di intelligenza. Non v'è dubbio che, solo per citare un'area di ricerca, la robotica stia producendo strumenti con grandi prestazioni. Quello che è importante capire, tuttavia, è che ci sono tante intelligenze diverse, che le macchine possono essere molto brave in una direzione e…stupidone in un'altra, e che in certi casi questo deficit può essere addirittura utile! E poi che dalle ricerche sull'IA potranno derivare indicazioni su come noi, umani, gestiamo i nostri comportamenti, la nostra mente. Ci sono anche zone un po' oscure su cui indagare, per esempio le macchine che si scrivono, da sole, i propri algoritmi. Bisognerà saperli verificare, no?Sta emergendo un nuovo palcoscenico, inoltre, sul quale uomini e macchine collaboreranno insieme per costruire un linguaggio comune e raggiungere obiettivi che nessuno dei due potrebbe realizzare separatamente. IA-Intelligenza in prima linea propone un viaggio in 18 puntate, condotte da Federico Pedrocchi, dentro le mille facce dell'Intelligenza Artificiale.

    Intelligenza Artificiale del giorno 03/09/2017: Quella faccia da robot... Come deve essere? E il senso del tatto: forse noi umani sentiamo anche troppo

    Intelligenza Artificiale del giorno 03/09/2017: Quella faccia da robot... Come deve essere? E il senso del tatto: forse noi umani sentiamo anche troppo

    Per avere un buon rapporto con un robot, che aspetto è meglio che lui/lei abbia, perché questo rapporto sia il più empatico possibile? E poi ci domanderemo: ma non è che in nostri sensi sono esagerati, magari sentono troppo? Se fosse possibile ridurre questa sensibilità mantenendo efficienza, questo sarebbe utile per avere comportamenti intelligenti artificiali.

    Intelligenza Artificiale del giorno 02/09/2017: Ottimizzare i servizi e prevedere i guasti

    Intelligenza Artificiale del giorno 02/09/2017: Ottimizzare i servizi e prevedere i guasti

    Ottimizzazione. Parola magica nel mondo industriale, ma anche nella vita d'ogni giorno per chiunque. Devo andare in cartoleria? Bene, ne approfitto per portare giù il cane e prendere un pacchetto che ho in macchina. Scegliamo l'ora migliore per fare tutte e tre le cose. Le strategie di amministrazione dei dati stanno aprendo praterie di ottimizzazione, anche con nuovi servizi. Per esempio nei servizi delle banche ai correntisti.Qual è il massimo della ottimizzazione? Prevedere il futuro. In generale è difficilissimo, ma in alcuni casi oggi si può. Prevedere guasti, per esempio.

    Intelligenza Artificiale del giorno 27/08/2017: Musica e antenne sulla testa, per "sentire" i colori

    Intelligenza Artificiale del giorno 27/08/2017: Musica e antenne sulla testa, per "sentire" i colori

    Una start up londinese ha progettato un algoritmo che crea brani musicali. Lo si può utilizzare, è in rete. Si sceglie il genere e si scarica, a partire da 90 centesimi. Neil Harbisson, invece, con i suoni vede i colori. Ha una patologia che gli consente di vedere solo scale di grigi, ma ha progettato una antenna che coglie tutte le frequenze cromatiche e le trasforma in vibrazioni sonore. Ma questa è intelligenza artificiale? Attenzione alle immagini fascinose.

    Intelligenza Artificiale del giorno 26/08/2017: Ci vorrà una iniezione di deontologia nella intelligenza artificiale. E anche di responsabilità sociale delle aziende

    Intelligenza Artificiale del giorno 26/08/2017: Ci vorrà una iniezione di deontologia nella intelligenza artificiale. E anche di responsabilità sociale delle aziende

    I medici, gli ingegneri, anche i geometri hanno regole deontologiche molto precise. E per chi progetta algoritmi? Come siamo messi? Ma anche per le imprese, le aziende, sarà necessario parlare di responsabilità sociale nella applicazione di I.A. nel lavoro.

    Intelligenza Artificiale del giorno 20/08/2017: Il dialogo fra le protesi artificiali e il nostro corpo sta crescendo sempre più in efficienza

    Intelligenza Artificiale del giorno 20/08/2017: Il dialogo fra le protesi artificiali e il nostro corpo sta crescendo sempre più in efficienza

    Capire come quanto viene pensato e ricercato nel campo dell'Intelligenza Artificiale si relaziona a come la nostra intelligenza si esprime, e viceversa, anche, è un confronto di grande importanza, e pure stimolante in generale, come sviluppo delle conoscenze umane. Parliamo di protesi artificiali che devono saper dialogare con il nostro corpo, che ne ha persa una vera, originale.

    Intelligenza Artificiale del giorno 19/08/2017: Le macchine e la loro coscienza di sé. Dovranno averla, se devono essere davvero intelligenti?

    Intelligenza Artificiale del giorno 19/08/2017: Le macchine e la loro coscienza di sé. Dovranno averla, se devono essere davvero intelligenti?

    Sembrerebbe una condizione ovvia: se vogliamo comportamenti intelligenti avanzati una coscienza di sé è indispensabile. Oppure no? E poi: come si farà a capire che una macchina mostra i primi segnali di autocoscienza?

Recensioni dei clienti

4.3 su 5
8 valutazioni

8 valutazioni

Top podcast nella categoria News

Gli ascoltatori si sono iscritti anche a