35 episodi

Rubrica e podcast di divulgazione teologica a cura di Fulvio Ferrario, decano della Facoltà valdese di teologia

Pillole di teologia Radio Beckwith

    • Religione e spiritualità
    • 4.5 • 2 valutazioni

Rubrica e podcast di divulgazione teologica a cura di Fulvio Ferrario, decano della Facoltà valdese di teologia

    Pillole di teologia E35 – Fulvio Ferrario. La predestinazione

    Pillole di teologia E35 – Fulvio Ferrario. La predestinazione

    Nel quarto ed ultimo appuntamento di questo breve ciclo curato da Fulvio Ferrario dedicato a temi controversi del pensiero cristiano, si parla di predestinazione.
    Un concetto che alcuni associano, non del tutto correttamente, esclusivamente al pensiero di Calvino e alla tradizione protestante.
    La riflessione di Ferrario parte dall'apostolo Paolo, il quale nelle sue lettere (epistola ai Romani) parla in modo approfondito dell'idea secondo cui l'essere umano viene liberato dalla propria condizione di colpa esclusivamente dalla grazia di Dio.
    La parola grazia arriva dal vocabolazio giuridico: chi è condannato riceve grazia.
    Cristo ci libera quindi per pura grazia: un intervento esterno, gratuito, libero, incondizionato.
    La decisione di Dio di salvarci però non è improvvisa, bensì eterna: una predestinazione. Prima ancora della nostra nascita, il nostro destino, la nostra destinazione è già determinata.

    • 15 min
    Pillole di teologia E34 - Fulvio Ferrario. Il peccato.

    Pillole di teologia E34 - Fulvio Ferrario. Il peccato.

    La puntata di oggi parla del peccato originale con Fulvio Ferrario.
    La parola "peccato" rimanda ad alcuni un concetto di soggezione, di punizione.
    Ma come si è iniziato a parlare di peccato originale? L'antico testamento non lo fa, racconta la storia di Adamo ed Eva.
    Addirittura tra gli studiosi qualcuno mette in discussione il racconto di Genesi 2,3 (del frutto proibito) e viene concepito come un mito di crescita.
    Il concetto del peccato umano si ritrova nell'apostolo Paolo: "In Adamo tutti abbiamo peccato e in un uomo tutti siamo stati salvati".
    Sarà poi il teologo Agotino D'Ippona a definire una dottrina del peccato originale, secondo cui gli esseri umani nascono con una colpa ereditaria, che si trasmette di generazione in generazione e che caratterizza la condizione umana.

    • 14 min
    Pillole di teologia E33 - Fulvio Ferrario. Fede e ragione contrapposte?

    Pillole di teologia E33 - Fulvio Ferrario. Fede e ragione contrapposte?

    Per questa seconda puntata di questo piccolo ciclo di trasmissioni dedicato a questioni cruciali del cristianesimo, affrontiamo il tema "Fede e Ragione".
    La parola torna a Fulvio Ferrario, pastore e professore di teologia sistematica presso la Facoltà valdese di Roma.
    La Fede viene, spesso, nella cultura e mentalità contemporanea, presentata come il contrario della ragione: "Io credo quello che non so, e lo credo perchè non lo so, se lo sapessi non avrei bisogno di credere".
    In alcuni casi si pensa che la ragione demolisca la fede.
    Sarà sempre vero?

    • 15 min
    Pillole di teologia E32 - Fulvio Ferrario. La rivelazione.

    Pillole di teologia E32 - Fulvio Ferrario. La rivelazione.

    La parola in pillole di teologia torna a Fulvio Ferrario, pastore e professore di teologia sistematica presso la Facoltà valdese di Roma.
    Ci propone un breve ciclo di quattro puntate dedicate a quattro temi del discorso intorno alla fede cristiana, temi su cui sovente si sentono dire cose inesatte e su cui sono diffusi pregiudizi.
    Nelle quattro puntate siparlerà quindi di:
    - Idea di rivelazione: cosa significa?
    - Il rapporto tra fede e ragione
    - Il tema del peccato originale
    - La predestinazione

    In questa prima puntata si affronta quindi l’idea di rivelazione. Esistono religioni rivelate, come il cristianesimo, che si fondano cioè su una comunicazione da parte di Dio. Rivelazione, nella nostra società, è però sovente interpretata come una parola antipatica.
    Spiega Ferrario: "Il cristianesimo fa appello ad una rivelazione, ma questo non esclude affatto il dubbio. Esistono delle frasi che si chiamano "dogma", ma che non sono sinonimo di "affermazione indiscutibile".

    • 15 min
    Pillole di teologia S01 E31 - Mosè, il profeta per eccellenza

    Pillole di teologia S01 E31 - Mosè, il profeta per eccellenza

    Tra tutti i personaggi dell'Antico Testamento spicca Mosè.
    Più degli altri, un personaggio importante nel racconto biblico, ma anche per il numero di ruoli, di funzioni, che nella sua figura si sommano. E ogni ruolo è svolto in modo eccellente.
    Mosè è condottiero, guida del popolo, mediatore della legge, intercessore, sacerdote...
    Ci soffermiamo sul tratto di Mosè come sommo profeta, il "profeta per eccellenza".
    Nel racconto della sua vocazione, il roveto ardente, Dio lo incarica di guidare l'esodo e questo incarico ha la stessa struttura delle vocazioni che sono rivolte ad altri profeti.
    La vocazione di Mosè ha però la caratteristica singolare perché Mosè rivolge a Dio ben cinque obiezioni.

    • 18 min
    Pillole di teologia S01 E29 - La "giustizia" di Dio

    Pillole di teologia S01 E29 - La "giustizia" di Dio

    L'Antico Testamento parla del destino umano da due estremi.
    Da un lato c'è l'idea che in quanto umani, creature nate, un giorno moriremo. La mortalità fa parte della condizione umana, non c'è nessun umano che non sia anche morto.
    Dall'altra parte c'è l'idea che un giorno i morti risorgeranno.
    L'affermazione forse più importante è quella secondo cui la giustizia di Dio ha l'ultima parola. Cos'è la giustizia di Dio? Non solo la giustizia retributiva in cui i malvagi e i prepotenti vengono puniti e sconfitti, ma anche l'azione con cui riscatta gli ultimi, rende ragione agli innocenti perseguitati.

    • 18 min

Recensioni dei clienti

4.5 su 5
2 valutazioni

2 valutazioni

Top podcast nella categoria Religione e spiritualità