7 episodes

È da secoli circondato da superstizioni e leggende nere. È stato il palazzo dei papi e dei re d’Italia. Oggi il Quirinale è il centro del potere italiano. Tutto ruota intorno alla presidenza della Repubblica: interessi politici ed economici, equilibri interni e assetti internazionali, trame occulte e campagne mediatiche. Per questo tutti i principali leader hanno coltivato l’ambizione di occuparlo. Per questo ogni sette anni le elezioni presidenziali si trasformano nel palcoscenico su cui consumare gli intrighi repubblicani. In Romanzo Quirinale, Marco Damilano racconta le stagioni più misteriose della storia d’Italia.

Sei puntate, una ogni giovedì.

Romanzo Quirinale è un podcast di Marco Damilano prodotto da Chora media
scritto con Tommaso De Lorenzis. Supervisione suono e musica di Luca Micheli. Post produzione e montaggio di Guido Bertolotti e Matteo Miavaldi. La cura editoriale è di Sabrina Tinelli con Alessia Rafanelli. Il producer è Matteo Perkins. I fonici di presa diretta sono Michele Boreggi, Roberto Colella e Alessandro Romano. Il fonico di studio è Jacopo Lattanzio

Si ringraziano Radio Radicale, le Teche Rai e l’Istituto Luce per i contributi di archivio

Romanzo Quirinale Marco Damilano – Chora

    • Governo
    • 4.7 • 236 Ratings

È da secoli circondato da superstizioni e leggende nere. È stato il palazzo dei papi e dei re d’Italia. Oggi il Quirinale è il centro del potere italiano. Tutto ruota intorno alla presidenza della Repubblica: interessi politici ed economici, equilibri interni e assetti internazionali, trame occulte e campagne mediatiche. Per questo tutti i principali leader hanno coltivato l’ambizione di occuparlo. Per questo ogni sette anni le elezioni presidenziali si trasformano nel palcoscenico su cui consumare gli intrighi repubblicani. In Romanzo Quirinale, Marco Damilano racconta le stagioni più misteriose della storia d’Italia.

Sei puntate, una ogni giovedì.

Romanzo Quirinale è un podcast di Marco Damilano prodotto da Chora media
scritto con Tommaso De Lorenzis. Supervisione suono e musica di Luca Micheli. Post produzione e montaggio di Guido Bertolotti e Matteo Miavaldi. La cura editoriale è di Sabrina Tinelli con Alessia Rafanelli. Il producer è Matteo Perkins. I fonici di presa diretta sono Michele Boreggi, Roberto Colella e Alessandro Romano. Il fonico di studio è Jacopo Lattanzio

Si ringraziano Radio Radicale, le Teche Rai e l’Istituto Luce per i contributi di archivio

    Ep.6: I presidenti di B.

    Ep.6: I presidenti di B.

    La seconda Repubblica comincia il 26 gennaio 1994 con la discesa in campo di Silvio Berlusconi. Per diciassette anni i rapporti tra il Cavaliere e gli inquilini del Quirinale saranno segnati da un conflitto strisciante destinato a esplodere in contrasto aperto. Mentre Berlusconi è alla presidenza del consiglio, al Colle si alternano Oscar Luigi Scalfaro, Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano. Con tutti e tre l’uomo di Arcore finirà per scontrarsi, fino all’epilogo del novembre 2011, quando proprio il Quirinale porrà fine alla permanenza del Cavaliere a palazzo Chigi. Irene Pivetti, presidente della Camera nel 1994, rivela un retroscena inedito sulla caduta del primo governo Berlusconi.

    • 54 min
    Ep.5: I picconatori

    Ep.5: I picconatori

    Se Sandro Pertini è stato il presidente più amato dagli italiani, Francesco Cossiga è stato il più incompreso, e indecifrabile. I due sono diversissimi, ma ad accomunarli c’è la stessa smania di condizionare direttamente la vita politica e la stessa volontà di forzare i limiti del loro mandato. Entrambi arrivano ad attaccare il funzionamento di quello Stato di cui rappresentano il vertice. Dalla lotta al terrorismo alle sconcertanti rivelazioni sulla rete Gladio, dal terremoto in Irpinia ai violenti conflitti istituzionali che preannunciano l’inizio di Mani pulite, Pertini e Cossiga hanno picconato le fondamenta della prima Repubblica.

    Ep.6: fuori il 16 dicembre

    • 47 min
    Ep.4: Il fantasma di Moro

    Ep.4: Il fantasma di Moro

    Nel 1971 Aldo Moro è la figura più in vista della scena politica italiana ed è anche il favorito per la presidenza della Repubblica. Lo ferma un colpo di palazzo organizzato dal suo amico di partito Giulio Andreotti. Contro Moro si muove anche la loggia P2 che sta cominciando a infiltrare i livelli più alti dello Stato. Sette anni più tardi, alle presidenziali del 1978, la strada del Colle sembra spianata per il presidente della Democrazia cristiana. Sembra davvero la volta buona. Ma la mattina del 16 marzo ’78, in via Fani, a Roma, Moro viene rapito da un commando delle Brigate rosse. Verrà ucciso dopo cinquantacinque giorni di prigionia.

    Episodio 5: 9 dicembre

    • 48 min
    Ep.3: Il sogno dell’uomo forte

    Ep.3: Il sogno dell’uomo forte

    Tra gli anni Cinquanta e i Sessanta, il Quirinale è il centro di oscure manovre. Dietro la patina scintillante del Boom economico e della dolce vita, si consuma una stagione segnata da ricatti, trame occulte e scontri sotterranei tra gli apparati d’intelligence. I capi dello Stato Giovanni Gronchi e Antonio Segni coltivano il sogno dell’uomo forte al Colle. Gronchi punta sul governo Tambroni per realizzare una svolta presidenzialista, ma fallisce. Quattro anni dopo, Segni tenta di bloccare il centro-sinistra e durante una crisi di governo convoca al Quirinale il generale dei carabinieri Giovanni de Lorenzo. Si ode il tintinnar di sciabole. Comincia a circolare una parola impronunciabile: golpe.

    Episodio 4: fuori il 2 dicembre

    • 42 min
    Ep.2: La congiura dei 101

    Ep.2: La congiura dei 101

    Alle elezioni del 2013 il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo incassa il 25 per cento dei voti. È un terremoto e il sistema si avvita su se stesso. Il Partito democratico esplode bruciando nella battaglia per il Quirinale i suoi candidati migliori. Poi, il colpo di scena: la congiura che affonda Romano Prodi, padre nobile del Pd.

    Raccolte in presa diretta all’indomani di quei drammatici eventi e proposte per la prima volta in questo podcast, le voci di Romano Prodi e Massimo D’Alema svelano i retroscena di uno dei momenti più convulsi della recente storia d’Italia.

    Episodio 3 online giovedì 25.

    • 39 min
    Ep.1: Il botto

    Ep.1: Il botto

    Maggio 1992. L’inchiesta di Mani Pulite punta in alto: punta ai vertici del sistema politico. Mentre la prima Repubblica si sgretola sotto una valanga di avvisi di garanzia, un parlamento di inquisiti si prepara a eleggere il nuovo capo dello Stato. La battaglia per il Quirinale dilania la Democrazia cristiana, lacerata da un furibondo scontro interno. Passano i giorni e i grandi elettori non trovano un accordo. Intanto, misteriose centrali lanciano messaggi obliqui, evocano lo spettro di una soluzione violenta per superare lo stallo. La soluzione è il boato del tritolo: il botto della strage di Capaci.
    Due giorni dopo Oscar Luigi Scalfaro viene eletto presidente della Repubblica.

    Episodio 2 online il 18 novembre!

    • 42 min

Customer Reviews

4.7 out of 5
236 Ratings

236 Ratings

mary.vez ,

Molto utile!

Podcast veramente utile per conoscere la nostra storia politica più recente!

policeman1924 ,

Interessante prospettiva

Attraverso le vicende dei Presidenti della Repubblica si percorre la storia dell’Italia dal dopoguerra ad oggi.
Molto interessante, ben scritto e ben raccontato.

Francesca Frade ,

Ottimo

Ottimo esempio di buon giornalismo

Top Podcasts In Governo

Farnesina – i PODCAST
discovery + Podcast
BBC World Service
University of Chicago Podcast Network
BBC World Service
CSIS | Center for Strategic and International Studies

You Might Also Like

Nicola Lagioia - Chora
Cecilia Sala – Chora
A cura di: Fabrizio Mele
Il Post
storielibere.fm
Nova Lectio