30 episodes

Gianfranco Fabi incontra persone e personaggi che per la loro esperienza e la loro posizione possono offrire testimonianze autorevoli sulla società italiana, i suoi valori e la sua evoluzione. Banchieri, professionisti, imprenditori, professori, manager. Per augurare buona domenica agli ascoltatori.

Incontri Radio 24

    • News

Gianfranco Fabi incontra persone e personaggi che per la loro esperienza e la loro posizione possono offrire testimonianze autorevoli sulla società italiana, i suoi valori e la sua evoluzione. Banchieri, professionisti, imprenditori, professori, manager. Per augurare buona domenica agli ascoltatori.

    Incontri del giorno 06/09/2015: Michele Fino: tutti i saperi che si occupano del cibo ai piedi delle Langhe

    Incontri del giorno 06/09/2015: Michele Fino: tutti i saperi che si occupano del cibo ai piedi delle Langhe

    Incontriamo Michele Fino, Pro-Rettore Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, un ateneo unico nel suo genere ai piedi delle Langhe, un polo internazionale dedicato all'enogastronomia, intesa come scienza, attività economica e pratica piacevole.
    La struttura è nata nel 2003, per idea di Carlo Petrini, il fondatore di Slow Food, e si propone di dare dignità al cibo e all'alimentazione interpretati come fenomeni complessi e multidisciplinari, attraverso lo studio di una rinnovata cultura dell'alimentazione. L'università possiede ora un patrimonio inestimabile, un patrimonio che legittima il nuovo concetto di qualità gastronomica che l'associazione vuole diffondere: buona dal punto di vista organolettico, sostenibile dal punto di vista ambientale, equa dal punto di vista sociale.

    Incontri del giorno 30/08/2015: Fabrizio Zilibotti: stili educativi e conseguenze sociali

    Incontri del giorno 30/08/2015: Fabrizio Zilibotti: stili educativi e conseguenze sociali

    Al giorno d'oggi gli stili educativi delle famiglie europee si dividono in due grandi gruppi. Da una parte c'è lo stile di genitorialità permissivo, un modello che caratterizza soprattutto la Scandinavia. Dall'altra parte c'è quello latino, più intrusivo e autoritario. Come ci racconta il nostro ospite Fabrizio Zilibotti, professore di professore di Macroeconomia ed Economia politica all'Università di Zurigo, i genitori agiscono in modo diverso a seconda della società in cui si trovano.
    In una società più diseguale, predomina il modello genitoriale che tenta di spingere alla motivazione e al successo individuale. In una società meno diseguale, come quella scandinava, viene lasciata più libertà, il che equivale a sviluppare nei figli una capacità di indipendenza e di immaginazione più forte. In particolare l'aumento della disuguaglianza di reddito è tra le cause di tale stile di genitorialità e il ruolo crescente dei genitori nell'educazione dei figli rischia di frenare la mobilità sociale, penalizzando le famiglie meno abbienti e meno scolarizzate.

    Incontri del giorno 23/08/2015: Alfredo Scarfone: utilizzare le proprie tecnologie per rendere più efficiente il mondo del non profit

    Incontri del giorno 23/08/2015: Alfredo Scarfone: utilizzare le proprie tecnologie per rendere più efficiente il mondo del non profit

    Donare prodotti tecnologici d'avanguardia e di costi rilevanti alle associazioni non profit e sensibilizzare le altre aziende a fare lo stesso. Questa è la missione di SocialTechno Srl, un'impresa sociale che promuove la cultura informatica e lo sviluppo tecnologico delle organizzazioni non profit italiane favorendo sinergie con il mondo profit, per permettere al Terzo Settore di accedere all'innovazione e sfruttare i vantaggi di un uso consapevole della tecnologia. Ne parliamo con Alfredo Scarfone, fondatore di SocialTechno, partner italiano del network internazionale TechSoup Global.

    Incontri del giorno 16/08/2015: Elio Borgonovi: l'eccellenza si deve basare sulla diffusione del know-how

    Incontri del giorno 16/08/2015: Elio Borgonovi: l'eccellenza si deve basare sulla diffusione del know-how

    Far crescere la professionalità dei giovani e accettarli come forza propulsiva - spiega Elio Borgonovi, Professore Ordinario di Economia delle Aziende e delle Amministrazioni Pubbliche nell'Università Bocconi di Milano- rappresenta una sfida che dovrebbero affrontare sia le aziende pubbliche che quelle private. Negli ultimi anni si pone troppa attenzione alla competizione individualistica, si tende ad accentuare i meriti degli eccellenti, piuttosto che dar merito alla cooperazione. E' importante che ci sia la competizione, ma che sia regolata, valorizzando tutte le qualità delle persone. L'eccellenza si deve basare sulla competizione, ma anche sulla diffusione del know-how.

    Incontri del giorno 09/08/2015: Alessandro Maggioni: costruire case solo se c'è un bisogno reale

    Incontri del giorno 09/08/2015: Alessandro Maggioni: costruire case solo se c'è un bisogno reale

    Per fare cooperazione vera bisogna stare nel mercato con professionalità ed essere radicati sul territorio. Questo è quello che pensa Alessandro Maggioni, presidente presso Federabitazione Confcooperative e responsabile del Consorzio Acli di Milano.
    Per il nostro ospite, fondamentale è rappresentare gli interessi di chi fa case per motivi sociali e non speculativi, costruire case solo se ci sono i soci e se esiste un bisogno reale. Tra i principali fattori che non favoriscono la trasparenza e la sicurezza del mercato c'è la scarsa chiarezza delle norme e delle leggi. Ed è in questi territori ambigui a cavallo tra urbanistica, politica e cantieristica che la criminalità organizzata cerca di infiltrarsi. Il metodo migliore per difendersi dalla mafia è realizzare gare d'appalto trasparenti e creare le condizioni per promuovere, organizzare, accompagnare i soci nel percorso di costruzione delle case e sviluppare servizi di post- consegna.

    Incontri del giorno 02/08/2015: Giampaolo Silvestri: la cooperazione allo sviluppo è ridare dignità alle persone

    Incontri del giorno 02/08/2015: Giampaolo Silvestri: la cooperazione allo sviluppo è ridare dignità alle persone

    Senza cambiamento non c'è possibilità di crescita e di felicità. Questo è ciò che pensa Giampaolo Silvestri, segretario generale di AVSI, impresa sociale che fa cooperazione allo sviluppo. AVSI è nata più di quarant'anni fa a Cesena e opera nei settori dell'educazione, dell'agricoltura, della sanità, dell'ambiente, della sicurezza alimentare, dello sviluppo urbano e delle migrazioni. Per AVSI l'attenzione alla persona vale più di tutto. Più del modello organizzativo e della contabilità. Ed è anche soprattutto nelle situazioni di crisi che l'organizzazione lavora nella fase post-emergenza su iniziative concrete di ricostruzione di scuole, centri educativi e case.

Top Podcasts In News

Listeners Also Subscribed To