7 episodes

Cosa possono raccontarci la mummia di una ragazzina di 4.000 anni fa, un calco di gesso di Pompei, o un oggetto appartenuto alla vittima di un naufragio nel Mediterraneo? Attraverso l’osservazione e lo studio dei resti umani, antichi e moderni, archeologi, antropologhe, genetiste e conservatori museali ricostruiscono l’esistenza, l’identità e le abitudini di donne, uomini e bambini, per comprendere meglio come eravamo e come siamo. Ma ci fanno anche interrogare su quanto sia giusto prelevare campioni di ossa per la ricerca o mostrare al pubblico ciò che rimane di quelle spoglie.

Una serie del Museo Egizio, scritta e condotta da Giulia Alice Fornaro, e prodotta da Piano P.

Alla ricerca della vita Piano P

    • Science

Cosa possono raccontarci la mummia di una ragazzina di 4.000 anni fa, un calco di gesso di Pompei, o un oggetto appartenuto alla vittima di un naufragio nel Mediterraneo? Attraverso l’osservazione e lo studio dei resti umani, antichi e moderni, archeologi, antropologhe, genetiste e conservatori museali ricostruiscono l’esistenza, l’identità e le abitudini di donne, uomini e bambini, per comprendere meglio come eravamo e come siamo. Ma ci fanno anche interrogare su quanto sia giusto prelevare campioni di ossa per la ricerca o mostrare al pubblico ciò che rimane di quelle spoglie.

Una serie del Museo Egizio, scritta e condotta da Giulia Alice Fornaro, e prodotta da Piano P.

    6. Gli amuleti egizi, tra religione, medicina e magia

    6. Gli amuleti egizi, tra religione, medicina e magia

    Piccoli, colorati e dalle forme più diverse: il Museo Egizio ne ospita diverse centinaia. Sono gli amuleti usati dagli antichi Egizi per proteggere il corpo, in vita come nell’aldilà. Si tratta di oggetti “magici”, specchio dell’identità di quel popolo: persone che, anche se lontane nel tempo e nello spazio, erano esattamente come noi.

    • 20 min
    5. Statuette Kongo e bambole Chankay: i resti umani nelle altre culture

    5. Statuette Kongo e bambole Chankay: i resti umani nelle altre culture

    I modi in cui le varie società umane, passate e presenti, trattano la morte e immaginano l’aldilà sono diversi. Tutti, però, provano da sempre a dare risposta ad alcuni bisogni universali. A dircelo sono anche gli oggetti, ritrovati in varie latitudini, che fanno parte dei corredi funerari conservati al Museo di Etnografia e Antropologia dell’Università di Torino.

    • 21 min
    4. Ricostruzione dell’identità e diritto alla memoria

    4. Ricostruzione dell’identità e diritto alla memoria

    Che si tratti di antichi romani, santi o naufraghi del Mediterraneo, restituire un nome, una dignità e una memoria ai resti umani è una questione di diritti, e non solo per chi non c'è più. Ed è anche il lavoro quotidiano del Labanof, il Laboratorio di Antropologia e Odontologia Forense dell’Università di Milano, che ha da poco inaugurato un museo per raccontarlo.

    • 22 min
    3. Un meraviglioso archivio biologico da studiare e conservare

    3. Un meraviglioso archivio biologico da studiare e conservare

    Da un osso del cranio o del bacino, o magari da un dente, ricercatrici e ricercatori dell’Eurac Research di Bolzano, dove si studiano resti umani scheletrici o mummificati di diverse origini e diverse epoche, possono ricavare moltissime informazioni di una persona, come il sesso, l’età, la dieta o le malattie di cui soffriva. Un potenziale informativo oggi disponibile anche grazie a tecnologie sempre meno invasive.

    • 23 min
    2. Dallo scavo al magazzino: quando il rinvenimento si fa "rito"

    2. Dallo scavo al magazzino: quando il rinvenimento si fa "rito"

    Durante gli scavi, appena vengono rinvenuti resti umani, l’archeologo lascia il posto all'antropologo. Ma a Pompei, dove la furia del Vesuvio uccise oltre mille persone, questo ruolo è particolare: nel Parco Archeologico il metodo scientifico, unito a cure premurose, consente di adempiere, in un certo senso, al rito funebre che quei corpi attendono da duemila anni.

    • 27 min
    1. I resti umani al museo, tra diritto di conoscere e opportunità di esporre

    1. I resti umani al museo, tra diritto di conoscere e opportunità di esporre

    Come viveva un antico egizio? Non uno ideale, ma proprio Imhotep, gran visir del Faraone Thutmose I, o Meres, 13 anni, vissuta ad Assiut 4100 anni fa. Con l’esposizione permanente “Alla ricerca della vita. Cosa raccontano i resti umani?”, i curatori del Museo Egizio provano a rispondere attraverso lo studio delle mummie e chiedendosi, di volta in volta, se e come mostrarle.

    • 25 min

Top Podcasts In Science

Hidden Brain, Shankar Vedantam
Alie Ward
Neil deGrasse Tyson
Jeremy Corbell, George Knapp, Cadence13 and Dark Horse Entertainment
PRX and Greater Good Science Center
Blurry Creatures

You Might Also Like

Will Media - Boats Sound
Simone Pieranni - Chora
Il Post
La Storia In Giallo
Luca Bizzarri - Chora
OnePodcast