12 episodes

Gli artisti aprono i loro diari per raccontarci in prima persona, in un’intima e persuasiva storia originale, come mettono al mondo il loro mondo, attraverso un unico mezzo espressivo: la loro voce, da ascoltare puntata dopo puntata, tra racconto e musica.

In questo assurdo periodo di pandemia globale che stiamo vivendo costretti a “rimanere a casa”, ci siamo dovuti confrontare con nuovi scenari, reinventando noi stessi e i nostri spazi quotidiani.
Ad ispirarmi è stata l’opera di un artista che ha realizzato la mappa di una città italiana con tanti tappi spray. Ognuno era necessario per costruire la mappatura della città, tutti a loro posto, nel loro spazio, ma tutti ugualmente necessari per creare qualcosa di unico.
E allora m i sono chiesta: chi può ispirarci per creare una nuova geografia: di noi stessi, dei nostri luoghi, delle nostre strade, reali, virtuali o interiori in questo momento di quarantena. La risposta è stata una: gli artisti.

Illustrazione Image courtesy of the artist © Alice Pedroletti, The Colouring Book
Graphic Credits: Iris Irma Alida Marconi

Diari d'artista Sara Marvelli

    • Arts

Gli artisti aprono i loro diari per raccontarci in prima persona, in un’intima e persuasiva storia originale, come mettono al mondo il loro mondo, attraverso un unico mezzo espressivo: la loro voce, da ascoltare puntata dopo puntata, tra racconto e musica.

In questo assurdo periodo di pandemia globale che stiamo vivendo costretti a “rimanere a casa”, ci siamo dovuti confrontare con nuovi scenari, reinventando noi stessi e i nostri spazi quotidiani.
Ad ispirarmi è stata l’opera di un artista che ha realizzato la mappa di una città italiana con tanti tappi spray. Ognuno era necessario per costruire la mappatura della città, tutti a loro posto, nel loro spazio, ma tutti ugualmente necessari per creare qualcosa di unico.
E allora m i sono chiesta: chi può ispirarci per creare una nuova geografia: di noi stessi, dei nostri luoghi, delle nostre strade, reali, virtuali o interiori in questo momento di quarantena. La risposta è stata una: gli artisti.

Illustrazione Image courtesy of the artist © Alice Pedroletti, The Colouring Book
Graphic Credits: Iris Irma Alida Marconi

    Alessio Ballerini | Blob

    Alessio Ballerini | Blob

    L’ultimo dei nostri ospiti, Alessio Ballerini, apre i suoi diari. Nel suo contributo racconta questo periodo di reclusione forzata, la quarantena, in una sorta di “blob sonoro”, ripercorrendo i giorni del lockdown attraverso una narrazione che risuonerà a lungo nelle nostre menti e nella nostra memoria.

    Alla fine dell’episodio, in omaggio della conclusione di questa stagione del progetto e in omaggio al tema che ha accompagnato il Podcast, potrete ascoltare il pezzo “This is the way” dei Time Escape in versione integrale.

    • 25 min
    Giovanni Gaggia | Una pagina audio

    Giovanni Gaggia | Una pagina audio

    Il decimo dei nostri ospiti, Giovanni Gaggia, apre i suoi diari. Nel suo racconto crea un contenuto audio-performativo sviluppato su più livelli di interazione e relazione intermediale, includendo persino la voce di un bambino di 8 anni, Artaud D’incecco, che recita, canta, suona e giornalmente gli invia i suoi componimenti.

    • 25 min
    Laura Federici | Nessuno è fermo

    Laura Federici | Nessuno è fermo

    La nona delle nostri ospiti, Laura Federici, apre i suoi diari. Nel suo racconto riflette su come le sue giornate non siano poi così diverse dal solito e ci racconta alcuni progetti realizzati in questo periodo.

    • 13 min
    Matteo Montani | La grazia e lo strazio

    Matteo Montani | La grazia e lo strazio

    L’ottavo dei nostri ospiti, Matteo Montani, apre i suoi diari. Nel suo racconto riflette sul rovesciamento di questo periodo, sulla metamorfosi del metalinguaggio contemporaneo e della dimensione meditativa dell’esercizio creativo.

    • 14 min
    SirSkape | Dal classico al cybernetico

    SirSkape | Dal classico al cybernetico

    Il settimo dei nostri ospiti, SirSkape, apre i suoi diari. Nel suo racconto riflette sul bisogno di reinventarsi e sull’evoluzione della sua arte: dai grandi spazi del muro della strada, sua vera vocazione, al digitale. Matite, tubetti di colore, bombolette, pennelli, pennarelli, acrilici, tutti materiali della vecchia quotidianità, abbandonati all’insegna di una nuova pratica artistica.

    • 15 min
    Michele Ciacciofera | La carta bianca

    Michele Ciacciofera | La carta bianca

    Il sesto dei nostri ospiti, Michele Ciacciofera, apre i suoi diari. Nel suo racconto riflette sul valore attribuito al foglio bianco come simbolo e paradigma attraverso cui riscrivere nuove prospettive individuali.

    • 15 min

Top Podcasts In Arts

Avery Trufelman
NPR
Blind Nil Audio and Pod People
The Moth
Roman Mars
LeVar Burton and Stitcher