125 episodes

Le lectio del Vangelo di Luca tenute da Silvano Fausti e dai suoi confratelli della Comunità di Villapizzone (Milano) il lunedì sera dal 2007 al 2009.

Lectio del Vangelo di Luca Silvano Fausti

    • Religion & Spirituality

Le lectio del Vangelo di Luca tenute da Silvano Fausti e dai suoi confratelli della Comunità di Villapizzone (Milano) il lunedì sera dal 2007 al 2009.

    Luca 24, 50-53

    Luca 24, 50-53

    a. Prima di ascendere in cielo, Gesù ci lascia in poche parole la sua eredità: il Cristo ha vinto la morte con la sua passione, e nel suo nome si proclamerà al mondo intero la conversione e il perdono dei peccati. A noi continuare la sua storia, vivendo da fratelli, riconciliati con tutti, grazie al dono del suo d’amore. Ora se ne va nella gloria del Padre, dove lo raggiungeremo seguendo il suo cammino.
    b. Perché, per testimoniarlo, dobbiamo ricevere ed essere rivestiti del suo Spirito?
    c. Perché i discepoli non piangono per la scomparsa di Gesù; anzi sono pieni di gioia?

    Questa è l'ultima Lecio del percorso di Luca.
    Il testo della traduzione del Vangelo di padre Silvano può essere scaricato da: http://www.gesuiti-villapizzone.it
    L'immagine e' un'icona gentilmente concessa dall'Atelier Iconografico - Monastero di Bose. Per ulteriori informazioni: http://www.monasterodibose.it/

    • 56 min
    Luca 24, 36-49

    Luca 24, 36-49

    a. Anche noi, ogni domenica, siamo chiamati a incontrare il Signore Crocifisso e risorto. Nell’eucaristia è presente lui in persona, come Parola e Pane: ci invita a guardarlo e riconoscerlo, toccarlo e mangialo, per vivere di lui e come lui.
    b. Perché è importante che Gesù non sia un fantasma, ma sia risorto con il corpo?
    c. Cosa significa per noi vivere già ora nel nostro corpo la vita nuova del Risorto?

    Il testo della traduzione del Vangelo di padre Silvano può essere scaricato da: http://www.gesuiti-villapizzone.it
    L'immagine e' un'icona gentilmente concessa dall'Atelier Iconografico - Monastero di Bose. Per ulteriori informazioni: http://www.monasterodibose.it/

    • 1 hr 4 min
    Luca 24, 13-35

    Luca 24, 13-35

    a. Il cammino dei due discepoli è quello di tutti noi: incontriamo il Vivente nella Parola che ci accende il cuore e nel Pane che ci apre gli occhi. Nella Parola e nell’Eucaristia noi stessi passiamo dalla morte alla vita e riconosciamo che è vero quanto i primi testimoni oculari ci hanno raccontato: sappiamo che Gesù è risorto perché anche noi l’abbiamo incontrato e siamo risorti a una vita nuova nell’amore.b. Come erano i piedi, le mani, la bocca, la mente, il volto e il cuore dei discepoli prima di e aver riconosciuto il Vivente? E dopo?c. Cosa fa con loro il Vivente e con quali parole e gesti cambia la loro vita?

    Il testo della traduzione del Vangelo di padre Silvano può essere scaricato da: http://www.gesuiti-villapizzone.it
    L'immagine e' un'icona gentilmente concessa dall'Atelier Iconografico - Monastero di Bose. Per ulteriori informazioni: http://www.monasterodibose.it/

    • 1 hr 19 min
    Luca 24, 1-8

    Luca 24, 1-8

    a. Gesù non è da cercare tra i morti: è il Vivente, che con il suo amore ha vinto la morte. Lo incontriamo nella nostra vita di ogni giorno, ricordando e seguendo la sua parola che ci fa camminare come lui ha camminato.b. La nostra fede è venerazione di un morto o l’incontro con il Vivente che ci fa vivere come lui?c. Perché per incontrare il Vivente bisogna ricordare le parole di Gesù sul mistero del suo corpo consegnato nelle mani dei peccatori, crocifisso e quindi risorto?

    Il testo della traduzione del Vangelo di padre Silvano può essere scaricato da: http://www.gesuiti-villapizzone.it
    L'immagine e' un'icona gentilmente concessa dall'Atelier Iconografico - Monastero di Bose. Per ulteriori informazioni: http://www.monasterodibose.it/

    • 1 hr 6 min
    Luca 23, 49-56

    Luca 23, 49-56

    a. Il Figlio entra negli inferi per incontrare i fratelli. Nel sepolcro si danno convegno tutti gli uomini, che sono già o non ancora morti. Il suo corpo, dato per noi, è il seme di vita deposto nel grembo della madre terra.
    Il testo della traduzione del Vangelo di padre Silvano può essere scaricato da: http://www.gesuiti-villapizzone.it
    L'immagine e' un'icona gentilmente concessa dall'Atelier Iconografico - Monastero di Bose. Per ulteriori informazioni: http://www.monasterodibose.it/

    • 59 min
    Luca 23, 33-48

    Luca 23, 33-48

    a. Noi sempre, e senza mai riuscirci, vogliamo salvare noi stessi dalla morte. Per questo diventiamo egoisti e ci perdiamo. Il re, secondo noi, è l’uomo libero e potente: è come un dio in terra, che sempre salva se stesso. Il Crocifisso invece ci presenta un Dio e un re che si perde per noi. Per questo ci salva: ci salva da una falsa idea di Dio, di uomo e di salvezza. Dio è uno che si perde per amore, uomo libero è chi sa amare e dare la vita, salvezza non è non morire, ma vivere la stessa morte come comunione d’amore.b. Perché Gesù è il Figlio di Dio e il Cristo re proprio sulla croce?c. Cosa intende il secondo malfattore quando parla al suo compagno di un Dio che è lì sulla croce? Che Dio è e che re è questo, che, senza paura, si fa vicino a ogni malfattore e maledetto, con un amore più forte della morte?
    Il testo della traduzione del Vangelo di padre Silvano può essere scaricato da: http://www.gesuiti-villapizzone.it/sito/testi/vangelo_di_luca.pdf
    L'immagine e' un'icona gentilmente concessa dall'Atelier Iconografico - Monastero di Bose. Per ulteriori informazioni: http://www.monasterodibose.it/

    • 1 hr 12 min

Top Podcasts In Religion & Spirituality

Ascension Catholic Faith Formation
D-Group
Sadie Robertson
BibleProject
Joel Osteen
R. Albert Mohler, Jr.

You Might Also Like