53 episodes

Gli incipit di Due Minuti Un Libro. Il piacere della lettura ad alta voce. Che sia un thriller, un romanzo, un manuale, un libro per bambini o ragazzi, di poesie, un distopico, un autobiografico, uno spirituale a noi piace leggerli. Buon ascolto!

Incipit di libri Due Minuti Un Libro

    • Arts

Gli incipit di Due Minuti Un Libro. Il piacere della lettura ad alta voce. Che sia un thriller, un romanzo, un manuale, un libro per bambini o ragazzi, di poesie, un distopico, un autobiografico, uno spirituale a noi piace leggerli. Buon ascolto!

    Il cordone di fiori #nonunadimeno

    Il cordone di fiori #nonunadimeno

    In questa seconda parte del Romance “Quei fiori” ritroviamo la protagonista, Maria, impegnata a risolvere il problema dei femminicidi.

    Anche questa volta chiederà aiuto agli amici.

    Nella cornice della narrativa romantica, l'autrice costruisce un angolo poetico di denuncia, dando corpo a voci che si sono spente.

    Riusciranno i personaggi a trovare una soluzione? La risposta è contenuta nel titolo, perché ancora una volta, i veri protagonisti sono i fiori.


    ---

    Send in a voice message: https://podcasters.spotify.com/pod/show/dueminutiunlibro/message

    • 10 min
    40 anni in Regione

    40 anni in Regione

    Il giovane Bruno, il protagonista di 40 anni in Regione di Umberto Dodero, è ambizioso, impavido e intraprendente. Muove i primi passi nel mondo del lavoro tentando di farsi strada e conquistare una posizione soddisfacente, ma soprattutto entrare a far parte dell’organico di un’Amministrazione Pubblica, in particolare della Regione Sardegna, è la sua grande aspirazione.

    Giunge così il momento tanto agognato, il premio per la sua costanza. Ma ben presto si accorge che intorno a sé nulla è così roseo; se in un primo momento vagheggiava l’idea di un luogo in cui poter conoscere delle persone e con loro affrontare un lungo percorso lavorativo, ora si rende conto che è possibile fino ad un certo punto: imbrogli, raggiri e voltafaccia, esseri ignavi che circolano tra i corridoi interminabili dell’immenso edificio e come guitti impersonano la loro triste esistenza mettendo in scena le loro miserie umane; questo è lo scenario che gli si profila all’orizzonte.

    Ma Bruno è un ragazzo che non si lascia spaventare, tenacemente lotta per i suoi diritti, attirandosi molte antipatie ma anche intessendo rapporti costruttivi. Quarant’anni vissuti all’interno di quell’enorme calderone fanno sì che lui ne conosca ogni angolo, ma fondamentalmente subdora l’intrigo perché nulla più lo incanta.

    Nonostante il suo percorso lavorativo sia stato molto movimentato, ha saputo trarre dalla sua esperienza un enorme rispetto per il lavoro e per la sua terra.

    40 anni in Regione, di Umberto Dodero, Europa Edizioni

    Due Minuti Un Libro


    ---

    Send in a voice message: https://podcasters.spotify.com/pod/show/dueminutiunlibro/message

    • 10 min
    Leggere di pedagogia tra handicap e specialità

    Leggere di pedagogia tra handicap e specialità

    La pedagogia, quale scienza di diversificati approcci educativi, così come la pedagogia speciale, quale branca a sé della dimensione prioritariamente socio-affettiva, al di là dell’area cognitiva a cui prevalentemente si rivolge, è plasmata dalla natura invasiva e pervasiva del media, attraverso il quale la scuola di oggi, ciascun docente, tenta di tenere un ritmo sempre più incalzante per ri-adattare e ri-adattarsi a una cultura, quella dei giovani, che percorre e precorre strade e bivi non sempre in linea con la “segnaletica” che la scuola stessa vorrebbe loro imporre, spesso negando la presenza dell’oltre… In questo costante mutamento e accelerazione propria di una società sempre più digitale, sempre più nella direzione dell’intelligenza artificiale, scuola e famiglie giocano una sfida quotidiana per comprendere detti mutamenti, per comprendere Bisogni Educativi Speciali che appartengono all’intera comunità educante ed educabile, in un processo di continua ricerca e rinnovamento della sua essenza. Riferendosi a J.S. Bruner, l’autore individua e porta avanti l’obiettivo bruneriano «di adattare una cultura alle esigenze dei suoi membri e di adattare i suoi membri ed i loro modi di conoscere alle esigenze della cultura». Lo studioso, già nella prima parte della sua ricerca, trova nel pensiero di Sigmund Freud la giustificazione della sua particolare scelta, anche lessicale, di definire “a rischio” una certa “genitorialità”; Freud, infatti, asserisce, ci ricorda l’autore, che «i mestieri più difficili sono nell’ordine il genitore, l’insegnante e lo psicologo». Un dialogo interdisciplinare quello che lo studioso fa emergere nel rapporto tra pedagogia speciale e necessità di educare con le sue molteplici e differenti prospettive, ponendo sullo sfondo di ogni valutazione e analisi dei bisogni i processi integrativi e inclusivi (bio-psico-sociali) ricordandoci come la pedagogia appartiene a spazi plurimi e indefiniti che non possono essere relegati in spazi, sì, importanti, come la famiglia, la scuola e territori circoscritti, ma estesi a tutti quei luoghi appartenenti alla presenza umana. L’autore sottolinea che le criticità non possono essere considerate «quelle per così dire istituzionalizzate, bensì quelle legate, forse all’inadeguatezza dell’osservatore […] di trattare le specialità o, meglio, le speciabilità». Dimostrando come la specialità rappresenti per la scienza dell’educazione timone ed energia fondante capace di prometeizzare su molte di quelle quotidiane questioni educative di nutrito interesse.

    Leggere di pedagogia tra handicap e specialità. Per una scuola in cerca di mediazione e di medialità. Di Francesco Augello, Edizioni La Bussola

    Due Minuti Un Libro


    ---

    Send in a voice message: https://podcasters.spotify.com/pod/show/dueminutiunlibro/message

    • 12 min
    Triangolo - Per chi saremmo disposti a fare qualsiasi cosa?

    Triangolo - Per chi saremmo disposti a fare qualsiasi cosa?

    Una sera come tante, una birra con gli amici e il rientro a casa. E lì ad aspettarti qualcuno che non dovrebbe esserci.

    Il tentativo di consegnarlo alle forze dell’ordine scatena un’aggressione e tu non hai altra scelta che difenderti, fino alle estreme conseguenze. Nel tempo di un respiro, la vittima diventa il carnefice e mette fine alla vita dell’intruso. Questa è la storia di Emilio Bortot, un piccolo uomo schiavo delle sue debolezze ma potrebbe essere quella di ognuno di noi. Tutto è a posto dunque, la legge è stata rispettata e giustizia è fatta? Forse no. Perché se è chiaro il motivo che ha spinto Emilio a difendersi, le ragioni che hanno condotto l’aggressore fino a lui sembrano sfuggire alle casistiche ordinarie. Niente di prezioso da prendergli, nessun apparente legame che li unisce.

    Questa insolita eventualità e l’incerta testimonianza di un vicino, confondono i termini di un problema che sembrava già risolto e ad insospettirsi sono in due, un investigatore e un ispettore di polizia. Leo Rodgher e Guido Sterle, due menti brillanti e avverse, che si scontrano, si inseguono, ognuno dei due convinto che l’altro si stia sbagliando. E almeno uno dei due che si pone l’unica domanda giusta da farsi: per chi saremmo disposti a fare qualsiasi cosa?

    Triangolo di Daniele Gonella, Youcanprint

    Due Minuti Un Libro


    ---

    Send in a voice message: https://podcasters.spotify.com/pod/show/dueminutiunlibro/message

    • 10 min
    La cura

    La cura

    Due gruppi familiari si incontrano sullo sfondo di una Sicilia la cui bellezza, oltre a richiamare turisti per i suoi paesaggi mozzafiato, è terra di mestieri remoti (il ricamo, le botteghe artigiane di oggetti unici al mondo) e di leggende e storie del suo tempo. Le città sono arricchite di costruzioni realizzate da popoli stranieri: arabi, normanni e spagnoli. I personaggi protagonisti abitano a Palermo, ovvero, a Bisacquino e a Trapani, precisamente a Pietrosino. Entrambe sono portatrici di malattie neurodegenerative. Tematica principale è l’amore che, a poco a poco, viene sfaccettata nella tematica della Cura, che è un dono che l’equipe medica attua nei confronti della protagonista. Certo, non si tratta di pensare ad amori eterni, ma di condividere, di comprendersi e di accudirsi l’uno con l’altra. Causa principale della Cura è la consapevolezza di riconoscere che la vita dell’uomo è fragile e vulnerabile. Si può parlare a questo punto della cognizione ontologica del dolore. Un pensare l’altro è un sentire l’altro.

    Come scrive Edith Stein: “Agire con gli altri nel mondo è anche un sentire l’altro.”

    La Cura di Alessandra Palisi, Edizioni del Faro

    Due Minuti Un Libro


    ---

    Send in a voice message: https://podcasters.spotify.com/pod/show/dueminutiunlibro/message

    • 9 min
    Il gioco delle ombre

    Il gioco delle ombre

    Quattro anni dopo gli eventi narrati ne "La Casa Gialla", l’autore di gialli Mae Son-Jun parte per il Distretto dei Laghi, in Inghilterra, ospite di un’eccentrica signora francese che ha affittato per lui e la sua famiglia un’antica dimora appartenente al centenario Barone di Windermere. Il soggiorno si rivelerà presto tutt’altro che una rilassante vacanza, quando una misteriosa quanto affascinante ragazza appena conosciuta lo coinvolgerà suo malgrado in una fitta rete di misteri in cui nessuno dei personaggi che popolano Hiraeth House sembra essere escluso, maggiordomo compreso.

    Si ringrazia Stefano Mondini per aver messo a disposizione la sua voce nella lettura che apre l'episodio.

    Il gioco delle ombre, di Marta Brioschi, Be Strong Edizioni

    Due Minuti Un Libro




    ---

    Send in a voice message: https://podcasters.spotify.com/pod/show/dueminutiunlibro/message

    • 11 min

Top Podcasts In Arts

NPR
The Moth
iHeartPodcasts and Pushkin Industries
Roman Mars
Snap Judgment
Fantasy Fangirls