21 episodi

Il podcast dove puoi scoprire tecniche e strategie di web marketing per hotel e strutture ricettive.

Visita il nostro sito: https://www.webmarketingeturismo.it
Segui il canale Telegram: https://t.me/wmturismo
Scrivici: info@webmarketingeturismo.it

Web Marketing e Turismo Maurizio Paita

    • Marketing
    • 5.0, 1 valutazione

Il podcast dove puoi scoprire tecniche e strategie di web marketing per hotel e strutture ricettive.

Visita il nostro sito: https://www.webmarketingeturismo.it
Segui il canale Telegram: https://t.me/wmturismo
Scrivici: info@webmarketingeturismo.it

    Pay per Stay Google: alcune considerazioni per conoscerlo meglio.

    Pay per Stay Google: alcune considerazioni per conoscerlo meglio.

    Nella puntata di oggi vi parlo di una notizia che in questi giorni ha attirato l’attenzione di molti albergatori, ovvero, la possibilità di pagare le pubblicità di Google in modo posticipato, attraverso la formula del Pay per Stay.

    Una notizia che ha ricevuto tantissima risonanza tra i media e che ha subito allettato molti operatori del settore turistico.

    Però, per capire se questa nuova formula pubblicitaria può fare veramente al caso vostro, è necessario comprendere bene come funziona.

    E proprio nell’ottica di farvi conoscere meglio questo strumento, in questa puntata del podcast ho deciso di approfondire con voi alcuni aspetti legati al Pay per Stay di Google.

    ------------------------------------

    Visita il nostro sito: https://www.webmarketingeturismo.it
    Seguici sul canale Telegram: https://t.me/wmturismo
    Dal lunedì al venerdì, troverai una notizia ogni giorno sul mondo del web marketing turistico!

    O scrivici: info@webmarketingeturismo.it

    • 6 min
    Post Coronavirus: consigli per la ripartenza

    Post Coronavirus: consigli per la ripartenza

    Finalmente ormai da diversi giorni nel nostro paese siamo entrati nella tanto attesa fase 2, molte attività commerciali hanno avuto la possibilità di riaprire, tante altre nei prossimi giorni avranno la possibilità di fare altrettanto e finalmente, adesso, anche le strutture ricettive potranno iniziare a ragionare sulle loro date di apertura.

    Tutti ci auguriamo che intorno alla prima metà di giugno finalmente il mercato turistico possa riprendere a vivere.

    Sarà sicuramente una ripresa lenta e graduale ma l’importante è che il motore del turismo si rimetta in moto.

    Proprio per questo motivo oggi molte strutture ricettive sono già al lavoro per prepararsi ad accogliere i loro clienti in totale sicurezza e per pianificare le loro attività di promozione che, ovviamente, dovranno tenere conto delle nuove esigenze del mercato.

    E proprio per questo nella puntata di oggi vi voglio dare tre consigli che spero potranno esservi utili nell’organizzazione di queste attività.

    I tre consigli di cui vi parlo nella puntata di oggi.

    Il primo consiglio è legato a come accogliere i clienti nella vostra struttura ricettiva , cercherò di darvi qualche buona idea per agevolare il tanto necessario distanziamento sociale all’interno delle vostre strutture.

    Il secondo consiglio riguarda la gestione della comunicazione della vostra struttura ricettiva che in questo periodo dovrà tenere conto del fatto che le priorità dei clienti sono cambiate rispetto al periodo pre coronavirus.

    Il terzo consiglio, infine, riguarda le attività pubblicitarie. Aspetto particolarmente importante perché con ogni probabilità, quando il mercato ripartirà, sarà necessario recuperare in poche settimane due mesi di quasi totale inattività.

    ------------------------------------

    Visita il nostro sito: https://www.webmarketingeturismo.it
    Seguici sul canale Telegram: https://t.me/wmturismo
    Dal lunedì al venerdì, troverai una notizia ogni giorno sul mondo del web marketing turistico!

    O scrivici: info@webmarketingeturismo.it

    • 9 min
    Emergenza Coronavirus: idee per comunicare con i propri clienti.

    Emergenza Coronavirus: idee per comunicare con i propri clienti.

    In questo nuovo episodio vi voglio dare qualche consiglio che vi permetterà gestire le vostre attività di comunicazione per rimanere in contatto con i vostri clienti, in un momento particolare come quello che stiamo vivendo.

    Anche in questo caso, come nella scorsa puntata, i consigli che vi darò sono legati all’esperienza che sto facendo proprio in questi giorni lavorando fianco a fianco con miei clienti e osservando quanto sta avvenendo più in generale in tutto il contesto turistico.

    Quindi, diciamo che non farò altro che condividere con voi alcune considerazioni su delle attività pratiche che sto testando personalmente in questo periodo per far fronte all’emergenza Coronavirus. Spero che questa condivisione possa esservi utile.

    1. Mandate una newsletter ai vostri clienti.
    Il primo consiglio che voglio darvi nella puntata di oggi è quello di inviare una newsletter ai vostri clienti.

    Inviate un’email nella quale comunicate come state, qual’è la situazione nella vostra località turistica e soprattutto comunicate ai vostri clienti vicinanza e solidarietà.

    So che molti albergatori sono scettici nell’utilizzare le newsletter come strumento per rimanere in contatto con i propri clienti. Ma vi assicuro che questo scetticismo è spesso immotivato, perché sono ancora tante le persone che ricevono delle e-mail con piacere, ovviamente, se queste e-mail contengono contenuti autentici e di valore.

    E proprio per questo motivo penso che questo potrebbe essere un ottimo momento per contattare i vostri clienti attraverso una bella newsletter.

    Vedrete che in tanti vi risponderanno e le loro risposte vi sorprenderanno.
    Posso assicurarvi che molti degli albergatori che seguo sono rimasti commossi dalle risposte dei propri clienti.

    Quindi, fidatevi, preparate una bella e-mail che parli col cuore, lasciate stare i contenuti commerciali e dimostrate tutta la vostra vicinanza ai vostri clienti.

    Le persone apprezzeranno questo gesto e voi, al tempo stesso, li terrete informati su quello che è la vita della vostra struttura ricettiva.

    2. Aggiornate i profili social della vostra struttura.
    Un’altra cosa, molto utile, che potete fare in questo momento per rimanere in contatto con i vostri clienti è quella di sfruttare al massimo la visibilità dei profili social della vostra struttura ricettiva.

    In questi giorni più che mai, infatti, molte persone stanno trascorrendo una buona parte del proprio tempo sui social. E quindi se voi sarete bravi ad aggiornare costantemente i vostri profili social avrete la possibilità di attirare più frequentemente l’attenzione dei vostri clienti.

    Questo aspetto è molto importante perchè rimanere in contatto con i vostri clienti vi permetterà di informarli costantemente su quello che sta avvenendo nella vostra struttura adesso che siete chiusi.

    Vi permetterà di rassicurarli a riguardo delle precauzioni che state prendendo per la gestione del problema COVID e allo stesso tempo vi metterà nelle condizioni di aggiornarli in tempo reale sul momento della vostra riapertura.

    Un pò di tempo fa ho letto un post di un albergo che secondo me sintetizza bene quella che dovrebbe essere la comunicazione di una struttura ricettiva in questo momento.

    Il post diceva: “Non siamo fermi, stiamo solo prendendo la rincorsa”.

    Il concetto è questo, dovete far capire ai vostri clienti e a tutte le persone che vi seguono che in questo momento siete al lavoro per quando riaprirete e già aggiornare i social è un ottimo modo per fargli capire che non avete spento i motori.

    Se non avete idee per effettuare i vostri post vi basterà guardare quello che fanno molti dei vostri colleghi. In questo momento in giro si possono trovare un sacco di spunti interessanti.

    Ad esempio:

    Potete invitare i vostri clienti a condividere delle...

    • 7 min
    Emergenza Coronavirus: 3 consigli utili per la vostra struttura ricettiva.

    Emergenza Coronavirus: 3 consigli utili per la vostra struttura ricettiva.

    Stiamo vivendo un momento veramente molto particolare, l’emergenza Coronavirus ci sta mettendo di fronte a delle sfide importanti, sia dal punto di vista della vita privata che dal punto di vista della vita professionale.

    Il mondo del turismo molto probabilmente non ha mai attraversato un periodo come questo e oggi non è facile capire in quale direzione andare e cosa fare.

    Proprio per questo motivo nell’episodio di oggi ho deciso di condividere con voi tre consigli, tre attività, che vi invito a mettere in pratica fin da subito perché vi potrebbero portare dei benefici anche in questo momento così complesso.

    Questi consigli non sono scaturiti da una lunga esperienza o da dalle case history del passato che ho letto da qualche parte, no sono frutto di questo specifico momento in cui sto lavorando fianco a fianco con diversi clienti per gestire la difficile realtà che stiamo attraversando in questo periodo.

    Quindi se siete in una situazione di stallo e siete indecisi sulle strade da
    intraprendere per gestire la comunicazione o la promozione della vostra struttura ricettiva penso che questa puntata del nostro podcast potrà esservi molto utile.

    1. Fermare le pubblicità e pianificare il futuro.
    La prima cosa fare a mio avviso è quella di fermare le pubblicità o almeno ridurre al minimo i budget delle proprie inserzioni e allo stesso tempo iniziare a pensare al momento in cui il mercato riprenderà.

    In questo momento le ricerche di hotel o di strutture ricettive all’interno dei motori di ricerca si sono abbassate tantissimo, in molti casi quasi azzerate, quindi fare pubblicità è inutile.
    E per di più quelle poche persone che in questo momento fanno delle ricerche non sanno precisamente quando potranno muoversi.
    Quindi con le nostre pubblicità rischieremmo di andare ad intercettare solo delle persone molto indecise.

    Se siete una struttura ricettiva che lavora prettamente con il mercato italiano e nel periodo estivo , quindi da metà giugno a settembre, potete ancora lasciare aperto qualche annuncio, perché si spera che in quel periodo il mercato italiano riprenderà, però è sicuramente è bene cercare di tenere i propri budget molto bassi. Altrimenti rischierete di disperdere degli investimenti dato che in questo momento i tassi di conversione delle pubblicità sono veramente bassi.

    Invece, se da un lato è importante chiudere o ridurre al minimo le pubblicità dall’altro è molto molto importante iniziare a ragionare su quello che dovremmo fare al momento della ripartenza del mercato.

    Perché una cosa è certa quando il mercato ripartirà, anche se ripartirà in modo lento e graduale, tutte le strutture ricettive e tutte le realtà che vendono soggiorni on line inizieranno a fare pubblicità in modo molto deciso dato che, giustamente, cercheranno di recuperare il tempo perduto in questi mesi di stop.

    Per questo sarà veramente molto importante farsi trovare subito pronti alla ripartenza del mercato. E quindi può essere una buona idea iniziare già adesso iniziare pianificare le proprie strategie pubblicitarie per i prossimi mesi.

    2. Tenersi in contatto con i propri clienti.
    Bene la seconda cosa da fare, invece, secondo me è quella di tenersi in contatto con i propri clienti.
    Tenersi in contatto con i propri clienti, ovviamente, è sempre un’iniziativa utile ma in questo momento più che mai. E l’approccio che dovremmo tenere è di due tipi diversi il primo riguarda gli stranieri che in questo momento sono in cerca di informazioni su quanto sta avvenendo nel nostro paese e in molti casi sono preoccupati per noi.
    Quindi, per quanto riguarda la comunicazione verso gli stranieri dovremmo cercare essere rassicuranti a riguardo delle nostre condizioni e informarli sulla situazione della destinazione nella quale si trova la nostra struttura.
    Per quanto riguarda gli italiani, invece, il discorso è..

    • 8 min
    5 step per aggiornare i profili social della vostra struttura ricettiva

    5 step per aggiornare i profili social della vostra struttura ricettiva

    Nell'ultimo episodio del podcast vi avevo iniziato a parlare dei social network e vi avevo spiegato quanto queste piattaforme possono esservi utili sia per rimanere in contatto con i vostri clienti sia per intercettarne di nuovi.
    In modo particolare, nel corso della scorsa puntata mi ero soffermato su due aspetti che ritengo particolarmente importanti per gestire bene l’immagine di una struttura ricettiva sui social.

    Il primo aspetto, riguarda il fatto di concentrare il proprio lavoro su un numero ristretto di social. Ovvero, è bene concentrarsi esclusivamente sui social più utilizzati dalla propria clientela, che solitamente, per quanto riguarda il mercato turistico, sono Facebook ed Instagram.

    Il secondo aspetto su cui mi ero soffermato e che considero particolarmente importante, è quello di svolgere questa tipologia di lavoro con costanza, creatività e dedizione.
    Perché il lavoro di aggiornamento e di gestione dei social, al contrario di quanto molti pensano, per dare dei risultati deve essere svolto con grande serietà e grande impegno. Sicuramente lavorare con costanza, creatività e dedizione può aiutare a raggiungere i risultati sperati.

    Nella puntata di oggi voglio continuare a parlarvi di social, perché l’argomento è molto ampio e merita ulteriori approfondimenti.

    Oggi, però, rispetto alla scorsa puntata vorrei concentrarmi un pochino di più sugli aspetti tecnici di questo lavoro e voglio parlarvi di alcuni step operativi che potrete effettuare per garantirvi una buona gestione dei profili social della vostra struttura ricettiva.

    La prima cosa che dovreste fare, quando vi trovate alle prese con la pianificazione del vostro lavoro sui social, è quella di definire il vostro pubblico di riferimento che naturalmente dovrebbe identificarsi il più possibile con il vostre tipologie di clienti.

    In altre parole, dovreste definire le vostre buyer personas, ovvero, dovrete creare dei modelli fittizi, ma molto realistici, che rappresentano il vostro cliente tipo.

    Ad esempio, se siete un hotel a Rimini per famiglie, attrezzato con area giochi per bambini, la vostra personas potrebbe essere una mamma, con uno o più figli tra i 2 e i 5 anni.
    Se, invece, siete un albergo che accetta le persone che viaggiano con i propri animali, una delle vostre buyer personas potrebbe essere un uomo che ama viaggiare con i propri cani.
    Questi modelli di buyer personas devono essere i più vari e dettagliati possibili. Perché più saranno dettagliati e più vi permetteranno di creare dei contenuti specifici da pubblicare sui vostri profili social.

    Tra l’altro sul nostro blog abbiamo pubblicato un articolo dove vi spieghiamo proprio come si possono creare le buyer personas, che trovate a questo link: https://www.webmarketingeturismo.it/2018/09/24/come-costruire-il-cliente-tipo-del-nostro-hotel/.

    Una volta definito l’identikit del vostro pubblico di riferimento (appunto le buyer personas) dovrete iniziare a ragionare sulle tipologie di post che potrebbero interessare a queste persone e definire un piano editoriale per calendarizzare i vostri aggiornament

    So che molti vedono i social come un luogo dove gli aggiornamenti devono essere fatti in tempo reale, secondo la propria ispirazione del momento.
    Ma, per esperienza personale, posso assicurarvi che la realtà non è questa. Ovviamente, va benissimo effettuare dei post in tempo reale ma se vi affidate solo alla vostra ispirazione del momento i vostri aggiornamenti si fermeranno ben presto.

    Quindi, creare un piano editoriale con annotate le date delle pubblicazioni che vorrete fare in un determinato arco di tempo vi metterà al riparo dai momenti in cui per un motivo o per l’altro non riuscirete a pianificare il vostro lavoro.
    br...

    • 7 min
    Social Network e Strutture Ricettive

    Social Network e Strutture Ricettive

    Nei primi episodi del podcast ci siamo concentrati sugli aspetti che riguardano la presenza on-line di una struttura ricettiva, ovvero, tutti quegli strumenti che sarebbe bene utilizzare, nel migliore dei modi, per gestire la comunicazione online della propria struttura ricettiva.

    Abbiamo iniziato parlando dell'importanza del sito internet e abbiamo visto alcuni strumenti utili da associare all’utilizzo di un sito, come ad esempio un Booking Engine, Google Analytics e la Google Search Console.

    Poi, abbiamo visto quanto sia importante, oggi, la scheda Google My Business per gestire i contenuti della propria struttura ricettiva all'interno delle pagine di Google.
    Anche in questo caso siamo andati in profondità dell’argomento scoprendo cosa possiamo trarre di utile delle statistiche di Google My Business e poi abbiamo visto come gestire le recensioni Google proprio attraverso il pannello di controllo di Google My Business.

    Anche oggi parleremo di aspetti legati alla presenza on-line di una struttura ricettiva, perché costituiscono la base imprescindibile di una buona attività di web marketing.
    In particolar modo, andremo ad affrontare un argomento particolarmente controverso, ovvero, i social network.

    Questo argomento si può definire controverso perché quando parliamo di lavorare sui social con i nostri clienti ci troviamo davanti a due differenti tipologie di persone.
    Ci sono quelli che rinnegano completamente i social e non ne vogliono sentir parlare. E, invece, ce ne sono altri che sono molto più abituati ad utilizzare queste piattaforme e quasi quasi lavorerebbero solo ed unicamente sui social.

    Questo avviene perché, a differenza di un sito internet o della scheda Google My Business, i social si possono usare sia in ambito privato che in ambito professionale. Quindi, si tende ad avere un concetto molto personale di queste piattaforme.
    E questo è il primo errore che solitamente si commette quando si parla di social.
    Perché in realtà dovremo scindere in modo molto netto l'utilizzo che si fa dei social nella vita privata da quello che se ne fa in ambito lavorativo.

    Oggi l'utilizzo dei social da parte delle strutture ricettive è diventato molto importante, perché sono sempre di più le persone che vanno su queste piattaforme, in particolar modo su Facebook ed Instagram, a cercare ispirazione per i propri soggiorni.
    Inoltre, dato che le persone utilizzano sempre di più i dispositivi mobili per connettersi a internet e trascorrere parte del loro tempo, trovano nei social network un luogo ideale per informarsi, per vedere cosa postano gli amici o per raccogliere altre tipologie di informazioni.

    Quindi, dato che oggi i social attirano al loro interno sempre un maggior numero di utenti e sono sempre più fonte di ispirazione per le persone che devono pianificare i propri viaggi, è facile capire quanto sia utile utilizzare queste piattaforme sia per intercettare nuovi potenziali clienti, sia per tenersi in contatto con i propri clienti storici.
    Proprio per questo motivo, nella puntata di oggi, cercheremo di capire meglio quale dovrebbe essere l'approccio nella gestione dei social network per il proprio hotel.
    Un approccio che deve essere differente da quello che solitamente siamo abituati ad avere nella vita privata.

    Innanzitutto, partiamo da un concetto molto semplice ma molto importante: ad oggi i principali social su cui sarebbe bene lavorare per promuovere una struttura ricettiva sono essenzialmente due, ovvero, Facebook e Instagram.
    Questi due social, infatti, oltre ad essere i più utilizzati dal target di persone che solitamente prenotano viaggi, sono anche particolarmente adatti a dare visibilità alla tipologia di contenuto che solitamente viene utilizzato per promuovere le strutture ricettive.

    Instagram in particolar modo risulta decisamente utile ad enfatizzare le atmosfere che...

    • 10 min

Recensioni dei clienti

5.0 su 5
1 valutazione

1 valutazione

Top podcast nella categoria Marketing