3 episodes

Cosa possono raccontarci la mummia di una ragazzina di 4.000 anni fa, un calco di gesso di Pompei, o un oggetto appartenuto alla vittima di un naufragio nel Mediterraneo? Attraverso l’osservazione e lo studio dei resti umani, antichi e moderni, archeologi, antropologhe, genetiste e conservatori museali ricostruiscono l’esistenza, l’identità e le abitudini di donne, uomini e bambini, per comprendere meglio come eravamo e come siamo. Ma ci fanno anche interrogare su quanto sia giusto prelevare campioni di ossa per la ricerca o mostrare al pubblico ciò che rimane di quelle spoglie.

Una serie del Museo Egizio, scritta e condotta da Giulia Alice Fornaro, e prodotta da Piano P.

Alla ricerca della vita Piano P

    • Science

Cosa possono raccontarci la mummia di una ragazzina di 4.000 anni fa, un calco di gesso di Pompei, o un oggetto appartenuto alla vittima di un naufragio nel Mediterraneo? Attraverso l’osservazione e lo studio dei resti umani, antichi e moderni, archeologi, antropologhe, genetiste e conservatori museali ricostruiscono l’esistenza, l’identità e le abitudini di donne, uomini e bambini, per comprendere meglio come eravamo e come siamo. Ma ci fanno anche interrogare su quanto sia giusto prelevare campioni di ossa per la ricerca o mostrare al pubblico ciò che rimane di quelle spoglie.

Una serie del Museo Egizio, scritta e condotta da Giulia Alice Fornaro, e prodotta da Piano P.

    2. Dallo scavo al magazzino: quando il rinvenimento si fa "rito"

    2. Dallo scavo al magazzino: quando il rinvenimento si fa "rito"

    Durante gli scavi, appena vengono rinvenuti resti umani, l’archeologo lascia il posto all'antropologo. Ma a Pompei, dove la furia del Vesuvio uccise oltre mille persone, questo ruolo è particolare: nel Parco Archeologico il metodo scientifico, unito a cure premurose, consente di adempiere, in un certo senso, al rito funebre che quei corpi attendono da duemila anni.

    • 27 min
    1. I resti umani al museo, tra diritto di conoscere e opportunità di esporre

    1. I resti umani al museo, tra diritto di conoscere e opportunità di esporre

    Come viveva un antico egizio? Non uno ideale, ma proprio Imhotep, gran visir del Faraone Thutmose I, o Meres, 13 anni, vissuta ad Assiut 4100 anni fa. Con l’esposizione permanente “Alla ricerca della vita. Cosa raccontano i resti umani?”, i curatori del Museo Egizio provano a rispondere attraverso lo studio delle mummie e chiedendosi, di volta in volta, se e come mostrarle.

    • 25 min
    Trailer - Dal 24 novembre ascolta la nuova serie

    Trailer - Dal 24 novembre ascolta la nuova serie

    Nel 2021 il Museo Egizio ha inaugurato una nuova sala intitolata "Alla ricerca della vita. Cosa raccontano i resti umani?", dedicata alla ricostruzione della vita nell’antico Egitto attraverso lo studio dei resti umani e dei corredi che li accompagnano.
    Dalla sua apertura si è fatta sempre più impellente la necessità non solo di studiare i resti umani, ma anche di affrontare la questione dell’esposizione e le implicazioni etiche che la caratterizzano.
    Da questa esigenza nasce “Alla Ricerca della vita”, un podcast in sei episodi che, con la voce della giornalista scientifica Giulia Alice Fornaro, attraversa l’Italia, da Pompei a Bolzano, portandoti all’interno di Musei e laboratori per incontrare archeologi, antropologhe, conservatori e genetiste e scoprire così come lo studio dei resti può dirci molto della nostra storia passata e, soprattutto, del nostro presente.
    “Alla Ricerca della Vita” è il nuovo podcast del Museo Egizio prodotto da Piano P. Dal 24 novembre, ogni giovedì, in tutte le app per i podcast. Iscriviti alla serie per seguire l'uscita di ogni nuovo episodio.

    • 3 min

Top Podcasts In Science

Hidden Brain
Alie Ward
Freakonomics Radio + Stitcher
Neil deGrasse Tyson
Mike Carruthers / OmniCast Media / Cumulus Podcast Network
Sam Harris

You Might Also Like

Luca Bizzarri - Chora
Il Post
A cura di: Fabrizio Mele
storielibere.fm