17 episodi

[English Below] ---

Pillow Talk è la piattaforma online dedicata alla divulgazione live e in podcast di contenuti culturali e artistici, legati al contemporaneo.

L’idea nasce dalla necessità di supportare contenuti di ricerca da parte del gruppo di lavoro di Matèria, galleria di arte contemporanea con base a Roma. Il progetto è ideato da Niccolò Fano, Rossana Esposito, Chiara Ciucci Giuliani, Ornella Paglialonga, Roberta Pucci, Daniele Costantino montaggio audio.

Pillow Talk accoglie i debutti e segue l’evoluzione dei nuovi Podcast (Residents) per favorire l’approfondimento di contenuti e idee, e supporta, tramite collaborazioni ad-hoc, le realtà più interessanti del podcasting (Guests & Friends), ospitandole sulla piattaforma. Pillow Talk è scandito in stagioni tematiche allo scopo di unire registrazioni in spazi selezionati e registrazioni indipendenti slegate dal luogo fisico, per favorire collaborazioni locali e internazionali.
------[ENG]------ Pillow Talk is the podcasting platform dedicated to the dissemination of live and recorded audio content focusing on contemporary arts and culture.

The project - created by the team behind Rome based contemporary art gallery Matèria - comes from the necessity to provide a tool for the support of research based audio content. Pillow Talk Platform is conceived by Niccolò Fano, Rossana Esposito, Chiara Ciucci Giuliani, Ornella Paglialonga, Roberta Pucci, Daniele Costantino (audio editing).

Pillow Talk facilitates the debut and evolution of new podcasts (Residents) with the aim of encouraging a new discussions on content and ideas. Furthermore, the platform supports and highlights the work of a number of selected creators/projects (Guests & Friends) - already active within the cultural and artistic podcasting world - through ad-hoc collaborations hosted on the platform.

Pillow Talk Platform is divided into thematic seasons in order to combine live recordings in selected spaces and independent recordings disconnected from the physical locations, with the intent of encouraging local and international collaborations.

Pillow Talk Platfor‪m‬ Pillow Talk Platform

    • Arte

[English Below] ---

Pillow Talk è la piattaforma online dedicata alla divulgazione live e in podcast di contenuti culturali e artistici, legati al contemporaneo.

L’idea nasce dalla necessità di supportare contenuti di ricerca da parte del gruppo di lavoro di Matèria, galleria di arte contemporanea con base a Roma. Il progetto è ideato da Niccolò Fano, Rossana Esposito, Chiara Ciucci Giuliani, Ornella Paglialonga, Roberta Pucci, Daniele Costantino montaggio audio.

Pillow Talk accoglie i debutti e segue l’evoluzione dei nuovi Podcast (Residents) per favorire l’approfondimento di contenuti e idee, e supporta, tramite collaborazioni ad-hoc, le realtà più interessanti del podcasting (Guests & Friends), ospitandole sulla piattaforma. Pillow Talk è scandito in stagioni tematiche allo scopo di unire registrazioni in spazi selezionati e registrazioni indipendenti slegate dal luogo fisico, per favorire collaborazioni locali e internazionali.
------[ENG]------ Pillow Talk is the podcasting platform dedicated to the dissemination of live and recorded audio content focusing on contemporary arts and culture.

The project - created by the team behind Rome based contemporary art gallery Matèria - comes from the necessity to provide a tool for the support of research based audio content. Pillow Talk Platform is conceived by Niccolò Fano, Rossana Esposito, Chiara Ciucci Giuliani, Ornella Paglialonga, Roberta Pucci, Daniele Costantino (audio editing).

Pillow Talk facilitates the debut and evolution of new podcasts (Residents) with the aim of encouraging a new discussions on content and ideas. Furthermore, the platform supports and highlights the work of a number of selected creators/projects (Guests & Friends) - already active within the cultural and artistic podcasting world - through ad-hoc collaborations hosted on the platform.

Pillow Talk Platform is divided into thematic seasons in order to combine live recordings in selected spaces and independent recordings disconnected from the physical locations, with the intent of encouraging local and international collaborations.

    Mis(S)conosciute - gli scrittori spontanei

    Mis(S)conosciute - gli scrittori spontanei

    “Mis(S)conosciute - Scrittrici tra parentesi” è un podcast letterario e ha questa ambizione: tuffare l’ascoltatore nella storia e nella scrittura di autrici poco note degli ultimi 60 anni.
    È un progetto indipendente, realizzato scritto e detto da Giulia Morelli, Maria Lucia Schito e Silvia Scognamiglio, che vuole aprire le parentesi che contengono quello sconosciuto angolo dell'immaginaria biblioteca della letteratura per riscoprire insieme le Mis(S)conosciute autrici di storie, racconti, poesie, drammi e romanzi.
    -
    In questo episodio speciale Mis(S)conosciute racconta le esperienze speculari di due autori semi-analfabeti ma poeti e (quasi) conterranei: Clelia Marchi, autrice del famoso diario-lenzuolo di custodito presso la Fondazione Archivio Diaristico Nazionale e Pietro Ghizzardi, artista irregolare e autore di “Mi richordo anchora" edito da Quodlibet e la cui opera è custodita nella Casa Museo Pietro Ghizzardi.

    Il racconto della vicenda diaristica della Marchi andrà di pari passo con quello dell'artista Pietro Ghizzardi, tramite la viva voce dei protagonisti e brani scelti dalle loro opere.


    Clelia Marchi ha trascorso tutta la vita a Poggio Rusco (MN). Il suo lenzuolo-libro è conservato presso l’Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano (AR).


    Pietro Ghizzardi è nato alla Corte Pavesina nel 1906. Nella vita ha fatto il contadino e lo stradino. Verso il 1920, deriso da tutti, cominciò a dipingere; riscatto e rifugio di una vita di stenti e sofferenze. La sua autobiografia “Mi richordo ancora” ha vinto il Premio Viareggio nel 1977. Oggi è tra i pittori irregolari più apprezzati e conosciuti anche all’estero.

    -

    Credits:
    I testi di Clelia Marchi sono tratti da Il tuo nome sulla neve - Gnanca na busia, Il Saggiatore editori
    I testi di Pietro Ghizzardi sono tratti da Mi richordo anchora, Quodlibet compagnia extra

    Per le registrazioni inedite di Pietro Ghizzardi si ringrazia la Casa Museo Pietro Ghizzardi - Centro documentale e archivio storico di Boretto, Reggio Emilia.

    Le letture di questo episodio di Mis(S)conosciute sono a cura di Lucia Ghizzardi.
    La sigla di Mis(S)conosciute è degli SHIJO X
    Le illustrazioni sono di Monica Lasagni.

    • 35 min
    INTERDISCIPLINARITY by the British School at Rome - Bea Bonafini & Eóin Parkinson

    INTERDISCIPLINARITY by the British School at Rome - Bea Bonafini & Eóin Parkinson

    Interdisciplinarity is a series of dialogues between fellows who have spent a period of residence at the British School at Rome.

    EPISODE 1 - Bea Bonafini & Eóin Parkinson

    -

    The BSR is one of the many foreign Academies present in Rome, which represent individuals who are emerging in the public sphere and inserting themselves in the city's extraordinary cultural heritage.

    Artists and academics live together for several months, establishing not only interpersonal relationships, but often also professional collaborations, thanks to a constant sharing of knowledge that embraces multiple disciplines. In many cases this exchange leads to the discovery of affinities and overlaps among award holders' researches, which relate in new and unexpected ways.

    In this series of podcasts, an artist and an academic from the BSR will be in conversation, comparing their research practices and exploring new possible approaches and collaborations.

    -

    Bea Bonafini is Abbey Scholar 2019/2020 at the British School at Rome and Eóin Parkinson is the CRASSH/British School at Rome Fellow 2019-2020. The conversation for Interdisciplinarity will focus on their research interests, which both revolve around the body, its life after death, its formal aspects, the configurations of its dismemberment and dispersion, and then working backwards, to its life before death.

    Bea Bonafini works across painting, drawing, sculpture, ceramics, textiles and installations. Her interdisciplinary practice is inspired by overlaps in ancient and modern art history, human relationships, ritual processes and material craftsmanship. She explores the flexibility of painting possibilities that come by substituting paint and canvas, breaking the boundaries between the viewer and work, expanding and compressing scale to envelop and draw the viewer in. Her work operates on the boundary between functionality and the aesthetic, where its tactility and intimacy is brought to the forefront.

    Eóin Parkinson is an archaeologist specialised in the analysis of human skeletons, death and burial in past societies. In his PhD research, Eóin investigated the impact of social and economic change on the human body across 5000 years of Italian prehistory through scientific analysis of human skeletons. His current project, funded by the Isaac Newton Trust, and developed at the BSR and University of Cambridge’s Centre for Research in the Social Sciences, Arts & Humanities, builds upon his previous research and investigates the relationship between depictions of the human form and treatment of the body after death through consideration of prehistoric art and burial evidence. Eóin is particularly interested in communal burial - whereby the bones of multiple buried individuals become intermixed and fragmented – and what these processes can tell us about past societies.

    • 41 min
    POLVERE - Pop X - Mao

    POLVERE - Pop X - Mao

    Pop X è un gruppo musicale e collettivo artistico italiano formatosi a Trento nel 2004 avente come unico membro fisso e fondatore Davide Panizza (Rovereto, 14 settembre 1985).

    Il gruppo nasce da un'idea di Walter Biondani e Davide Panizza che, dopo una prima esperienza nel gruppo ska Jengyskà, decidono di iniziare a lavorare ad un nuovo progetto tra musica elettronica, cantautorato, sperimentazione e rappresentazione dal vivo. I due si erano precedentemente incontrati nel 2003 lavorando come comparse presso il Teatro Sociale di Trento nell’opera di Mozart Il don Giovanni.

    Con il brano Io centro con i missili, pubblicato nel 2009, il gruppo inizia a farsi conoscere sul web, anche grazie all'uso del brano come colonna sonora dei video di alcuni youtuber.

    In questi anni vi è una fitta collaborazione di Panizza con il cantautore Calcutta, nel progetto Friuilli. ll primo disco stampato è Best of P o P _ X, una raccolta di 15 tracce, pubblicato il 20 febbraio 2015 dall'etichetta I Dischi di Plastica de I Camillas. Nello stesso anno viene pubblicato un album strumentale I Belong To You (canti albanesi di Trento e Bolzano).

    Nel mese di febbraio 2016 I Cani hanno pubblicato attraverso il loro canale YouTube due brani remixati da Panizza: Non finirà (P o P _ X remiss) e Aurora (PoP_X remix). Il 18 novembre 2016 viene pubblicato Lesbianitj per l'etichetta Bomba Dischi e distribuito da Universal Music Italia. Con questo album la rivista Rolling Stone ha definito il progetto "la next big thing italiana dopo I Cani e Calcutta". Nel 2017 il gruppo è partito per la tournée nazionale Open Bar Tour 2017. Nello stesso anno vengono composte le musiche per il programma televisivo di Rai 3 Provincia Capitale.

    A dicembre 2017 è stato annunciato il nuovo album Musica per noi, anticipato dal singolo La prima rondine venne iersera, che viene pubblicato il 26 gennaio 2018 da Bomba Dischi. Il tour che segue l'uscita dell'album è segnato da un netto cambiamento rispetto ai concerti degli anni precedenti, presentando sul palco uno spettacolo più incentrato sulla musica suonata. Conseguentemente la formazione cambia e vede Davide Panizza a voce e tastiere, Niccolò Di Gregorio alla batteria, Luca Babic alla Expressive Guitar MIDI realizzata su misura da Rob O’Reily, Matteo Domenichelli al basso e Ilaria Boba Ciampolini alle tastiere.

    Il 21 giugno 2019 pubblicano il nuovo album Notihng Hill, caratterizzato da un sound reggae e da nuove sperimentazioni rispetto alla discografia precedente. Il 28 febbraio 2020 viene pubblicato il quinto album in studio Antille, contenente prevalentemente materiale composto da Biondani, rientrato in pianta stabile nel progetto.

    La formazione dei Pop X vede come principale autore, compositore e arrangiatore Davide Panizza (Rovereto, 14 settembre 1985) che performa con il collettivo composto da Niccolò Di Gregorio (Pesaro, 12 febbraio 1990), Luca Babic, Matteo Domenichelli e Ilaria Boba Ciampolini.

    Nel corso degli anni hanno partecipato al progetto più o meno attivamente e più o meno consistentemente in ordine sparso: Pietro Albedo Parisi, Walter Biondani (classe '81), Sebastiano Panizza, Laura Jantunen, Davide Marchesino, Riccardo Guadagnini, Michelangelo Filippi, Gianni Torta, Silvia Dal Dosso, Jacopo e Carlotta Cunial, Linnea Merzagora, Biagio Cattano, Caterina Lani.

    • 6 min
    SEASON 2 (Trailer) - IRL

    SEASON 2 (Trailer) - IRL

    IRL è la seconda stagione di Pillow Talk, naturale prosecuzione della prima. Quella che stiamo vivendo oggi è la realtà: quello che abbiamo letto nei libri di fantascienza, quello che pensavamo assurdo o a dir poco lontano, adesso è il nostro presente e allo stesso tempo è adesso che tutto deve essere ripensato.

    Sia i resident che i guest podcast saranno narratori della loro vita reale o ideatori di una nuova e più impossibile fantascienza. Per costruire questa seconda stagione il palinsesto di Pillow Talk si arricchisce di nuovi testimonial nazionali e internazionali di IRL.

    • 1m
    EDERA - Mattia Pajè

    EDERA - Mattia Pajè

    Mattia Pajè è nato a Melzo (MI) nel 1991. Si diploma all'Accademia di Belle Arti di Bologna nel 2015.

    Il suo lavoro è caratterizzato dall'uso di molteplici materiali e approcci che si adattano alle situazioni in cui si trova ad agire. L’interesse di Pajè si concentra sui processi di produzione e di fruizione delle opere, il suo corpo di lavori, esteso e diversificato, comprende opere pittoriche, scultoree, installative, multimediali e performative. La sua ricerca, sotto forma di progetti specifici, residenze, mostre personali e collettive, ha ricevuto l’attenzione di numerose istituzioni pubbliche e private: Fondazione Smart - polo per l'arte, Roma, 2019; Space 4235, Genova, 2018; Suburbia Contemporary Art, Granada, 2018; BoCS Art, Cosenza, 2018; Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, Prato, 2017; Piramidon Centre d'Art Contemporani, Barcellona, 2017; S.a.L.E. Docks, Venezia, 2017; TRIPLA, Bologna, 2017; Car DRDE, Bologna, 2017; Dolomiti Contemporanee, Borca di Cadore, 2017; Mahler & LeWitt Studios, Spoleto, 2017; Cripta 747, Torino, 2017; Istituto di cultura Italiano di Montevideo, 2017; Major28, Lleida, 2016; Anonima Kunsthalle, Varese, 2016; LOCALEDUE, Bologna, 2015. Nel 2019 è tra gli artisti selezionati per il progetto Grand Tour d’Italie, al MAMbo di Bologna.

    Nel 2016 si occupa della direzione artistica di LOCALEDUE, realtà no-profit per l’arte contemporanea a Bologna. Nello stesso anno co-fonda lo spazio Gelateria Sogni di Ghiaccio, seguendo la direzione artistica insieme a Filippo Marzocchi e realizzando oltre 25 tra mostre e progetti legati all'arte contemporanea visiva, sonora e performativa.


    www.mattiapaje.com
    www.gelateriasognidighiaccio.com

    • 43 min
    EDERA - Adelaide Cioni

    EDERA - Adelaide Cioni

    Adelaide Cioni (Bologna, 1976) ha studiato disegno a UCLA, Los Angeles, e si è diplomata in scultura all’Accademia di Belle Arti di Roma (2015). Laureata in storia contemporanea, per dieci anni ha tradotto letteratura americana (John Cheever, David Foster Wallace, Lydia Davis e altri). Nel 2012, terminata la traduzione dei diari di Cheever, ha deciso di smettere di tradurre per dedicarsi alla pratica artistica. Nel 2014 è stata residente alla Citè internationale des arts di Parigi e nel 2015 a Villa Sträuli, Winterthur. Nel 2016 si è trasferita in Umbria dove ha aperto insieme a Fabio Giorgi Alberti uno spazio/studio che si chiama “Franca”. Ha esposto in spazi indipendenti e in luoghi istituzionali, in Italia e all’estero, fra gli altri al Mambo di Bologna nel 2015 con ò propos de Bacchelli 5 a cura di Home Movies e Elisa del Prete, al Grassi Museum di Lipsia con Object is Meditation and Poetry 2.5.0 a cura di Alba d’Urbano e Olga Vostretsova, e nel 2019 alla galleria P420 di Bologna con Shape, color, taste, smell and sound, doppia personale con Guy Mees a cura di Cecilia Canziani. È rappresentata dalla galleria P420 di Bologna.

    • 48 min

Top podcast nella categoria Arte