8 episodi

Otto voci per immaginare e raccontare il futuro, oltre l'emergenza. Un podcast di Carlo Annese, prodotto con il sostegno di Zacapa Rum.

Come saremo, domani: migliori o peggiori? Radicalmente diversi oppure aggrappati alle vecchie abitudini? Come cambieranno le relazioni, il sesso, i sentimenti, i rapporti famigliari, dopo il lungo periodo di distanziamento sociale?
In queste settimane piene di angoscia c'è bisogno di risposte, di analisi e ragionamenti – parole e suoni che ci permettano di andare oltre, trovare un'idea di normalità e ricevere un messaggio positivo e di speranza. Otto artisti, scrittori e creativi racconteranno la loro idea di futuro, immaginando che cosa accadrà dopo la pandemia. Perché qualcosa, di sicuro, accadrà.

Illustrazioni di Andrea De Santis
Tema musicale di: Giorgio Ferrero e Rodolfo Mongitore (Minus&Plus)

Domani Piano P

    • Cultura e società
    • 3.8, 98 valutazioni

Otto voci per immaginare e raccontare il futuro, oltre l'emergenza. Un podcast di Carlo Annese, prodotto con il sostegno di Zacapa Rum.

Come saremo, domani: migliori o peggiori? Radicalmente diversi oppure aggrappati alle vecchie abitudini? Come cambieranno le relazioni, il sesso, i sentimenti, i rapporti famigliari, dopo il lungo periodo di distanziamento sociale?
In queste settimane piene di angoscia c'è bisogno di risposte, di analisi e ragionamenti – parole e suoni che ci permettano di andare oltre, trovare un'idea di normalità e ricevere un messaggio positivo e di speranza. Otto artisti, scrittori e creativi racconteranno la loro idea di futuro, immaginando che cosa accadrà dopo la pandemia. Perché qualcosa, di sicuro, accadrà.

Illustrazioni di Andrea De Santis
Tema musicale di: Giorgio Ferrero e Rodolfo Mongitore (Minus&Plus)

    8. Carlo Lucarelli, la forza della paura

    8. Carlo Lucarelli, la forza della paura

    Se c'è qualcuno che può parlare di come potrà essere il racconto della catastrofe, una volta che la pandemia sarà finita, Carlo Lucarelli è uno dei più indicati. Giallista, autore di noir ambientati al tempo del fascismo, grande narratore dei misteri italini pùi profondi, Lucarelli ha la capacità di usare il tempo che ci separa dai fatti che racconta – le trame segrete degli Anni 60, il terrorismo dei 70, il saccheggio degli 80 – per ricollegare i fili e farci vedere come siamo diventati nel frattempo. Esattamente quello che occorrerà nei prossimi mesi per capire se saremo diventati migliori o peggiori di prima; se avremo usato questo periodo di quarantena per imparare ad affrontare le nostre paure in modo diverso; se saremo in grado di trasformare lo choc che abbiamo vissuto (e che stiamo ancora vivendo, nonostante le riaperture), in uno strumento positivo, anche grazie alla letteratura.

    Con Lucarelli si conclude la prima serie di conversazioni di “Domani”. Dal 3 luglio torneremo con altre otto voci per immaginare come potrà essere il futuro dopo questa pandemia. Ricominceremo con Sandro Veronesi, un altro importante scrittore italiano. E poi continueremo parlando di teatro con Davide Enia, di moda con Gaia Segattini, di musica con Ghemon, di cinema con Andrea Chimento, di parole dell'emergenza con Federico Faloppa, di adolescenti città e relazioni con Armando Toscano, di nuova normalità (sperando che arrivi presto) con Nadia Terranova.

    "Domani" è prodotto con il sostegno di Zacapa Rum (https://www.zacaparum.com/).
    Illustrazione di Andrea De Santis.
    Tema musicale di Giorgio Ferrero e Rodolfo Mongitore (Minus&Plus).

    • 30 min
    7. Cristina Pozzi, il digitale umano

    7. Cristina Pozzi, il digitale umano

    Il Ceo di Microsoft, Satya Nadella, ha detto che la tecnologia ha compiuto in due mesi di lockdown una trasformazione che in tempi normali avrebbe richiesto due anni. Ma, allora, come potranno cambiare gli strumenti che avremo tra le mani in un futuro molto prossimo? E, di conseguenza, come cambieranno la scuola, il lavoro, le case, gli uffici, una volta che la pandemia sarà finita? E questa potrà essere l'occasione per creare un nuovo contratto tra l'uomo e l'ambiente?
    Ne abbiamo parlato con Cristina Pozzi, di professione "future maker", nominata dalla ministra dell'Istruzione nella commissione di esperti che dovrà ridisegnare la scuola all'insegna del digitale, e unica italiana tra gli Young Global Leaders eletti dal World Economic Forum 2019.

    "Domani" è prodotto con il sostegno di Zacapa Rum (https://www.zacaparum.com/).
    Illustrazione di Andrea De Santis.
    Tema musicale di Giorgio Ferrero e Rodolfo Mongitore (Minus&Plus).

    • 33 min
    6. Paolo Condò, gli stadi senza tifo

    6. Paolo Condò, gli stadi senza tifo

    Come tutto il resto a ogni latitudine, anche lo sport si è fermato. Ora, tra mille cautele, prova a ripartire, ma senza pubblico: dopo mesi di repliche, quindi, forse rivedremo qualcosa di nuovo in tv. Potremo anche tornare a frequentare palestre e impianti sportivi, ma pochi per volta e a distanza di sicurezza, dopo che per settimane correre nel parco sotto casa era diventato materiale per giuristi e delatori.
    Se questa è una ripartenza, e anche a tempo – come fanno capire i virologi che temono un rimbalzo dei contagi – bisogna essere molto ottimisti per credere che il domani sarà migliore, come dice Roger Federer in un messaggio dopo il rinvio anche del torneo di Wimbledon.
    Come potrà essere, in realtà, questo domani? Con meno soldi e meno passione o magari con un po' di spirito critico in più verso campioni fin troppo idolatrati? Lo abbiamo chiesto a Paolo Condò, che prima di diventare opinionista di Sky è stato un grande narratore di luoghi ed emozioni legati a quell'incrocio di corpi e anime che è lo sport.

    "Domani" è prodotto con il sostegno di Zacapa Rum (https://www.zacaparum.com/).
    Illustrazione di Andrea De Santis.
    Tema musicale di Giorgio Ferrero e Rodolfo Mongitore (Minus&Plus).

    • 35 min
    5. Matteo B. Bianchi, la tv del silenzio

    5. Matteo B. Bianchi, la tv del silenzio

    Trasmissioni senza applausi né risate, star collegate su YouTube da casa, libri che non si vendono o non verranno pubblicati: l'industria culturale e dell'intrattenimento è tra quelle che hanno pagato di più la crisi causata dal coronavirus e che più di altre dovranno rivedere alcuni modelli finora di successo.
    La pandemia ha accelerato alcune tendenze avviate già da tempo (i più giovani, abituati alle piattaforme on demand, hanno smesso definitivamente di guardare la tv, sostituendola con formati più brevi e pensati per un consumo digitale), ma ha anche tolto la dimensione epica del racconto: senza pubblico in studio, alcuni grandi show appaiono surreali, quasi grotteschi. E ancora più grave è la situazione dell'editoria, un mondo in buona parte alla soglia dell'estinzione che si aggrappa all'attesa del “grande romanzo italiano sul coronavirus” e sembra in crisi di creatività prima che di finanze.
    Ma come sarà questo racconto definitivo della pandemia: un grande viaggio della fantasia o un diario minimo dei giorni della quarantena? E come sarà la televisione di domani: sempre più mobile e pensata anche senza il calore della gente dal vivo e l'improvvisazione della diretta? Lo abbiamo chiesto a Matteo B. Bianchi, scrittore e autore televisivo, che dal 1996 raccoglie in una rivista le voci emergenti della letteratura. E non ne è venuto fuori un quadro molto positivo.

    "Domani" è prodotto con il sostegno di Zacapa Rum (https://www.zacaparum.com/).
    Illustrazione di Andrea De Santis.
    Tema musicale di Giorgio Ferrero e Rodolfo Mongitore (Minus&Plus).

    • 32 min
    4. Simone Rugiati, ritorno alle radici

    4. Simone Rugiati, ritorno alle radici

    Prima del lockdown, mangiavamo spesso fuori casa, cucinavamo sempre meno, ci mettevamo a posto la coscienza con i cibi biologici, e al massimo ci facevamo portare la cena a domicilio. La clausura ha ribaltato queste abitudini: secondo un'indagine della Doxa, il tempo che abbiamo passato in cucina in questi mesi è aumentato nel 46% dei casi, e addirittura "molto aumentato" per il 17% degli intervistati. Dal 16 febbraio al 15 marzo 2020 nei supermercati sono stati spesi circa 750 milioni di euro in più rispetto al 2019. Insomma, cucinare a casa e fare la spesa è diventato imprescindibile.
    Non a caso, una delle cose che tanti di noi hanno detto di voler fare per prima, quando l'emergenza sarà finita, è andare a cena in un buon ristorante. Ma come sarà quel ristorante? Avrà i posti a scacchiera, come nelle foto che arrivano da Hong Kong, o preparerà solo cibi sottovuoto da asporto, consegnati dentro sacchetti da aprire a distanza? E cosa ci sarà dentro quei sacchetti? Che cosa mangeremo, sempre che le nostre tasche colpite dalla crisi economica ce lo permettano? Magari questa pandemia può essere l'occasione per rivedere la nostra dieta, per avere una nuova consapevolezza di quello che metteremo nel piatto: cibo sano, naturale, rispettoso dell'ambiente?
    Lo abbiamo chiesto a Simone Rugiati, uno dei primi chef televisivi che ha cominciato a domandarsi con preoccupazione che cosa accadrà nei prossimi anni. Con lui si è parlato di sostenibilità, di spazi e luoghi per la ristorazione, di fiducia e chef stellati. E di quella che sarà la prossima frontiera dell'esperienza gastronomica.

    "Domani" è prodotto con il sostegno di Zacapa Rum (https://www.zacaparum.com/).
    Illustrazione di Andrea De Santis.
    Tema musicale di Giorgio Ferrero e Rodolfo Mongitore (Minus&Plus).

    • 33 min
    3. Daniele Cassandro, le case degli altri

    3. Daniele Cassandro, le case degli altri

    Venerdì 21 giugno 1985. Nello stadio di San Siro, a Milano, ci sono 65mila persone per il primo concerto di Bruce Springsteen in Italia. Chi c’era, quella notte la racconta come un momento unico, soprattutto in questi giorni, perché chissà quando qualcosa di simile si potrà ripetere, con o senza Springsteen.

    Uno dei tanti effetti della pandemia è la fine dei concerti dal vivo – almeno per un bel po’ –, la chiusura dei teatri e dei cinema, l’incertezza sulle nostre vacanze. Torneremo in uno stadio per un live, in mezzo a migliaia di persone? Quali saranno le conseguenze per tutti quelli che vivono di musica – sopra e dietro un palco? Prenderemo un aereo senza guardarci intorno con sospetto? Affitteremo la casa di uno sconosciuto dall’altra parte del pianeta? Insomma, che cosa accadrà a quella che definiamo normalità?

    Ne abbiamo parlato con Daniele Cassandro, giornalista di "Internazionale" e acuto osservatore di fenomeni culturali, mentre le conseguenze economiche nel settore del turismo si fanno sempre più pesanti e uno dei modelli vincenti degli ultimi anni - quello di AirBnb -, basato sulla fiducia reciproca, è entrato in crisi.

    "Domani" è prodotto con il sostegno di Zacapa Rum (https://www.zacaparum.com/).
    Illustrazione di Andrea De Santis.
    Tema musicale di Giorgio Ferrero e Rodolfo Mongitore (Minus&Plus).

    • 33 min

Recensioni dei clienti

3.8 su 5
98 valutazioni

98 valutazioni

smileitaly ,

Salute

Gent Carlo Annese
,

Credo che le ripartenza per ognuno di noi dipenderà da cosa abbiamo fatto in questi due mesi!
Se avremo guardato tutto il giorno la TV , ci saremo pianti addosso e con gli amici e familiari, non sarà una bella ripartenza.

Se ci saremo preparati , avremo anche preparato un cambiamento dentro di noi e in quello che vogliamo offrire e proporre agli altri, magari anche con lo stesso lavoro che facciamo e abbiamo sempre fatto.

Il cambiamento che propongo sembra stupido ma 1- riguarda la salute 2- riguarda la Prevenzione 3- la Prevenzione è fondamentale per difenderci meglio anche dalle infezioni! ( coronavirus incluso)
Faccio il dentista da 42 anni e ho una mission : migliorare la SALUTE della bocca degli italiani, per migliorare la loro salute generale e quindi ridurre il più possibile i costi in salute e denaro per le famiglie e le istituzioni.
Per far questo ho bisogno di aiuto e di voce : voglio coinvolgere Colleghi e la gente per fare, e giornalisti seri che mi aiutino per diffondere e far conoscere.

Se Le interessa, sono a disposizione : Smile,italy! è il nome del mio progetto, se mi da un indirizzo Le posso inviare un video in cui spiego meglio tutto: inutile dire che mi farebbe piacere essere intervistato per dire tutto questo a tutti.

...a proposito di “ semi di futuro “ !

Grazie mille dell’attenzione , e complimenti per il suo podcast.

Enrico Rivarossa

335344572


Posso invia

Minels ,

migliorare l’audio

dovete migliorare l’audio.

Top podcast nella categoria Cultura e società