28 episodi

L'unico modo per affrontare la burocrazia fiscale italiana con serenità è conoscerla ed essere informati. Situazioni reali spiegate in modo semplice attraverso le quali sarà agevole trovare le risposte per la vostra personale situazione.
Attraverso questo podcast cercheremo di chiarire i punti importanti e semplificare le procedure per rendervi più informati e consapevoli.

Fisco Relax Fisco Relax

    • Governo
    • 5.0 • 2 valutazioni

L'unico modo per affrontare la burocrazia fiscale italiana con serenità è conoscerla ed essere informati. Situazioni reali spiegate in modo semplice attraverso le quali sarà agevole trovare le risposte per la vostra personale situazione.
Attraverso questo podcast cercheremo di chiarire i punti importanti e semplificare le procedure per rendervi più informati e consapevoli.

    Assicurazione per la non autosufficienza con Jacopo Dondero

    Assicurazione per la non autosufficienza con Jacopo Dondero

    Parliamo della polizza che copre la perdita dell'autosufficienza, uno strumento estremamente interessante per cautelarsi in caso un infortunio o una malattia ci precludano la possibilità di essere autosufficienti, a qualsiasi età.

    • 17 min
    SPID – SISTEMA PUBBLICO DI IDENTITA' DIGITALE

    SPID – SISTEMA PUBBLICO DI IDENTITA' DIGITALE

    https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid/identity-provider-accreditati

    SPID – SISTEMA PUBBLICO DI IDENTITA' DIGITALE
    Perché richiederlo
    Buongiorno da Gabriella, benvenuti a fisco relax.
    Alzi la mano chi di voi non ricorda le lunghe code agli sportelli dell'INPS,
    dell'Agenzia delle Entrate, del Comune o di qualsiasi Ufficio pubblico,
    oggi è davvero tutto cambiato: si comunica online dallo smartphone o dal
    PC.
    Non sta a me giudicare se questo cambiamento sia in meglio o in peggio,
    ci sono sempre vantaggi e svantaggi in ogni cosa.
    L'unica osservazione che mi sento di fare è che la situazione in cui ci
    siamo trovati in maniera inaspettata ed improvvisa ha accelerato in modo
    vertiginoso il passaggio dallo sportello fisico a quello virtuale, creando a
    volte confusione e sconcerto nei cittadini e non solo...
    Scarica la APP, si sente negli spot pubblicitari, e puoi comprare,
    consultare, inviare, scaricare e così via.
    Da non molto anche la Pubblica Amministrazione usa la stessa filosofia.
    Vediamo come
    .
    Bisogna dotarsi dello SPID, cioè il sistema pubblico di identità digitale.
    Ogni cittadino deve esserne in possesso per accedere ai portali dei Pubblici
    Uffici: Agenzia delle Entrate, INPS, Clicklavoro, POSTE, COMUNI ecc.
    e richiedere prestazioni, inviare domande e consultare la propria posizione
    fiscale e previdenziale da casa con uno smarphone, un tablet o un PC.
    Facciamo degli esempi: l'INPS da tempo non invia più a casa il dettaglio
    mensile della pensione, sul portale è disponibile e si può consultare e
    stampare. Oppure voglio sapere quanti contributi sono stati versati e mi
    serve l'estratto contributivo, sul sito posso verificarlo e stamparlo.
    Ultimamente anche il Portale dell'automobilista sul quale si possono
    vedere le informazioni sui propri veicoli, sui punti della patente ecc.
    prevede l'accesso con SPID.
    Come si richiede:
    innanzi tutto è necessario avere un cellulare e un indirizzo email, quindi
    si cerca su internet un Provider abilitato.
    I Providers sono i fornitori o gestori del servizio , si trovano a questo
    indirizzo

    https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid/identity-provider-accreditati
    e si sceglie quello che si preferisce. La maggioranza dei providers offre
    questo servizio a pagamento con diverse tariffe, al momento solo due, di
    cui Poste Italiane, lo erogano gratuitamente.
    Si accede al sito del gestore scelto ci si registra avendo a portata di mano
    la carta d'identità, il tesserino sanitario, l'indirizzo email e il cellulare
    quindi si seguono passo passo le istruzioni.
    Per ottenere lo SPID è necessario essere autenticati, cioè bisogna
    dimostrare di essere “noi” facendo vedere il proprio viso con il
    riconoscimento facciale tramite la videocamera dello smartphone o del
    tablet, immagine che deve corrispondere alla foto del documento d'identità
    inviato online durante la registrazione.
    Per avere maggiori dettagli, in rete esistono ottimi tutorial che spiegano
    come registrarsi e autenticarsi. Potete trovare quello delle Poste a questo
    link:
    https://www.youtube.com/watch?v=iApwtliH2IQ
    Comunque per i meno informatizzati e per chi vuole risparmiare, il
    servizio di Poste Italiane è quello più adatto. Una volta registrati al sito, si
    fissa un appuntamento all'ufficio postale più vicino muniti di carta
    d'identità e tesserino sanitario e sarà l'impiegato a riconoscere che siete
    proprio voi e vi abiliterà lo SPID.
    Richiederlo vi aprirà un mondo di accessi sui...

    • 5 min
    730/2021 Novità, chi deve presentarlo e come

    730/2021 Novità, chi deve presentarlo e come

    • 9 min
    730 precompilato 2020 - a chi conviene e chi no

    730 precompilato 2020 - a chi conviene e chi no

    Buongiorno da Gabriella,
    benvenuti ad un nuovo episodio di fisco relax.
    Oggi vi parlerò del 730 precompilato, che dal 5 maggio è disponibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate e dal 14 maggio può essere modificato.
    Riassumo in breve cos'è il 730:
    Il 730 è una dichiarazione dei redditi semplificata per i pensionati, i dipendenti e i collaboratori a progetto, insomma per chiunque abbia una pensione o una busta paga. Sono esclusi dalla possibilità di presentare il 730 i titolari di partita IVA. Si dichiarano i redditi dell'anno precedente, quest'anno si dichiarano i redditi del 2019.
    Come si accede al precompilato:
    si accede al sito dell'Agenzia delle Entrate tramite le credenziali FISCONLINE, o il PIN INPS personale oppure lo SPID.

    Quali dati ci sono:

    la Certificazione Unica da lavoro dipendente, pensione o collaborazioni occasionali
    i dati dei familiari a carico
    i dati sugli immobili posseduti, compresi i dati dei contratti di locazione
    la maggior parte delle spese detraibili per esempio spese mediche, mutui, assicurazioni, spese scolastiche e universitarie, spese funebri , spese sostenute per la ristrutturazione edilizia ecc. e quelle deducibili,come previdenza complementare, contributi versati alle colf o badanti e altre.
    Gli acconti versati l'anno precedente o l'eventuale credito spettante.

    A CHI CONVIENE FARE IL 730 PRECOMPILATO

    Conviene a chi accetta senza modificare i dati presenti sul precompilato

    Infatti cliccando il tasto ACCETTA IL 730 E INVIA non ci saranno controlli e verifiche da parte dell'Amministrazione Finanziaria o richiesta di documentazione. La dichiarazione dei redditi è conclusa, l'Agenzia delle Entrate comunicherà al vostro datore di lavoro o Ente pensionistico il rimborso da corrispondere o le imposte da trattenere direttamente sullo stipendio o la pensione.

    A CHI NON CONVIENE FARE IL PRECOMPILATO

    Non conviene a chi ha avuto più datori di lavoro nel corso del 2019. In presenza di più certificazioni Uniche, l'Agenzia delle Entrate non calcola le detrazioni spettanti per i giorni lavorati quindi invece di un rimborso vi troverete a pagare imposte non dovute.

    Non conviene a chi ha la necessità di integrare il 730 con altre spese , come per esempio le spese per l'abbonamento dell'autobus, spese mediche che non risultano presenti sul precompilato, oppure chi ha venduto o comprato un immobile nel corso dell'anno, chi comunque ha avuto delle variazioni che comportano una differenza rispetto a quanto risulta all'Agenzia delle Entrate.
    Bisogna però fare molta attenzione quando si fanno modifiche anche di lieve entità, in quanto si è soggetti alla verifica di tutta la documentazione, anche quella che non è stata soggetta a variazioni. e se si commette un errore, ad una sanzione per dichiarazione infedele oltre al pagamento dell'imposta dovuta o alla restituzione del credito non spettante.
    In questo caso è opportuno rivolgersi al CAF o ai professionisti abilitati in quanto essi verificano la documentazione, la conservano in digitale per l'eventuale controllo e garantiscono la correttezza del 730 apponendo il visto di conformità.
    Ho voluto concentrarmi sulla convenienza o meno del 730 precompilato, per le modalità pratiche della compilazione ci sono in rete molti tutorial che spiegano esaurientemente i vari passaggi.
    Alla prossima...

    • 5 min
    730/2020 Novità, chi deve presentarlo e come

    730/2020 Novità, chi deve presentarlo e come

    GUARDA LA GUIDA ANIMATA SU YOUTUBE: https://www.youtube.com/watch?v=VCsjSOelix8

    Buongiorno da Gabriella, vi do il benvenuto su fisco relax. Si sta avvicinando la primavera e con essa il periodo delle dichiarazioni dei redditi, in particolare il 730 a guastare ai più questa bella stagione.
    Vediamo allora di fare un piccolo riepilogo di cos'è il modello 730.
    Il 730 è una dichiarazione dei redditi semplificata per i pensionati, i dipendenti e i collaboratori a progetto, insomma per chiunque abbia una pensione o una busta paga. Sono esclusi dalla possibilità di presentare il 730 i titolari di partita IVA. Si dichiarano i redditi dell'anno precedente, quest'anno si dichiarano i redditi del 2019.
    Ora vediamo a cosa serve, chi deve presentarlo e a chi conviene presentarlo:
    Non sei obbligato a presentarlo se hai avuto un solo datore di lavoro nell'anno precedente o se hai solo la
    pensione, non sei obbligato se oltre a tali redditi possiedi solo la casa di residenza e le sue pertinenze,
    cantina o box.
    Sei obbligato se nell'anno precedente hai avuto diversi datori di lavoro o sei andato in pensione nel corso dell'anno, oppure se hai altri redditi da dichiarare oltre lo stipendio o la pensione, per esempio collaborazioni occasionali oppure immobili dati in affitto. Infatti in questo caso si è obbligati perché ci sono delle imposte da versare al fisco.
    Non sei obbligato ma ti conviene se hai sostenuto spese mediche, se hai ristrutturato casa, hai sostenuto spese detraibili, di cui non faccio l'elenco in quanto sono veramente molte, oppure guadagni meno di circa 30.000 euro lordi l'anno e sei in affitto, quindi puoi presentare il 730 per farti rimborsare dal fisco parte delle imposte già pagate sullo stipendio o sulla pensione.
    E' importante sapere che nel mese di luglio per i dipendenti e in agosto per i pensionati, troverai l'eventuale rimborso aggiunto o le eventuali imposte tolte direttamente dallo stipendio o dalla pensione senza che tu debba fare altro.
    Ora vediamo quando si presenta e a chi. Il Mod. 730/2020 sarà disponibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate dal 15 aprile al quale si accede tramite PIN o SPID per coloro i quali vorranno presentarlo da soli, oppure potranno rivolgersi ai CAF. Il termine ultimo per la presentazione è il 23 luglio. Sia sul sito che presentando tramite i CAF.
    Ora passiamo alle principali novità contenute nel nuovo 730:
    Da quest'anno anche gli eredi potranno presentare il 730 per conto delle persone decedute.
    E' una grossa novità, infatti fino allo scorso anno gli eredi erano obbligati a presentare il modello Redditi (ex UNICO) con lo svantaggio di attendere anni prima di ricevere l'eventuale rimborso.
    Altra novità importante è l'innalzamento a 4000 euro del reddito massimo dei figli fino a 24 anni per essere considerati a carico.
    Tutto questo riguarda il 2019 ma ci sono novità importantissime per quanto riguarda le spese detraibili sostenute e che sosterrete quest'anno che saranno inserite nel 730 – 2021.
    Su tutti i media è stato dato molto spazio alla notizia che per essere detraibili le spese che stiamo sostenendo o sosterremo nel corso del 2020 saranno detraibili solo se pagate con strumenti tracciabili.
    Vediamo di che si tratta.

    Le spese interessate

    L’obbligo di tracciabilità dei pagamenti per ottenere la detrazione di imposta del 19% in dichiarazione
    riguarda le spese mediche ad eccezione degli scontrini delle farmacie, delle spese mediche presso le ASL o presso i laboratori convenzionati. Attenzione per ché se andate da u medico da un fisioterapista, da un podologo ecc. ma privato dovete pagare in maniera tracciabile. Obbligo di tracciabilità anche per l’iscrizione dei ragazzi per le attività sportive, gli affitti per gli studenti fuori sede, quelle per istruzione secondaria e universitaria,...

    • 7 min
    Cronache dal CAF

    Cronache dal CAF

    • 11 min

Recensioni dei clienti

5.0 su 5
2 valutazioni

2 valutazioni

Ego82 ,

utile!

grazie, spero andiate avanti con altri argomenti!

Top podcast nella categoria Governo

Gli ascoltatori si sono iscritti anche a