2 episodi

Storie di chi cerca ostinatamente uno spazio per la propria ferocia, un'inchiesta in 4 episodi realizzata in presa diretta da Lorenzo Giroffi, tra Piacenza, la Campania e la Bosnia.
Ragazzi appena maggiorenni che organizzavano un sistema di risse e scontri clandestini nel centro di Piacenza; uomini trasformati in bestie efferate al servizio della camorra, tra Napoli e Caserta: un viaggio alle radici di una violenza che tutti, forse, abbiamo dentro e che lockdown e zone rosse hanno portato in superficie, raccontato da chi ha ancora addosso i segni di un passato da cane violento.
Adattato e prodotto da Carlo Annese, per Piano P, con Giulia Pacchiarini.
Le musiche originali sono di Giuseppe Giroffi. L'illustrazione della cover è di Armitano.

Cani violenti Piano P

    • News
    • 5,0 • 6 valutazioni

Storie di chi cerca ostinatamente uno spazio per la propria ferocia, un'inchiesta in 4 episodi realizzata in presa diretta da Lorenzo Giroffi, tra Piacenza, la Campania e la Bosnia.
Ragazzi appena maggiorenni che organizzavano un sistema di risse e scontri clandestini nel centro di Piacenza; uomini trasformati in bestie efferate al servizio della camorra, tra Napoli e Caserta: un viaggio alle radici di una violenza che tutti, forse, abbiamo dentro e che lockdown e zone rosse hanno portato in superficie, raccontato da chi ha ancora addosso i segni di un passato da cane violento.
Adattato e prodotto da Carlo Annese, per Piano P, con Giulia Pacchiarini.
Le musiche originali sono di Giuseppe Giroffi. L'illustrazione della cover è di Armitano.

    1. Risse al Coin: il "sistema" inventato dai ragazzini

    1. Risse al Coin: il "sistema" inventato dai ragazzini

    A dicembre del 2020, mentre esplodono i contagi, decine di adolescenti si danno appuntamento al Pincio, un colle di Roma, per picchiarsi: una rissa che qualcuno scambia per un'operazione “acchiappa-like”. Ne parlano giornali e tv, ma come per ogni violenza di strada non può essere solo un affare da Instagram. E io ne so qualcosa.

    Mi chiamo Lorenzo Giroffi, faccio il giornalista: realizzo reportage su conflitti e violenze nel mondo, forse perché mi sono rimaste dentro alcune cose che anch'io ho vissuto da ragazzino, ed è arrivato il momento di fare i conti con quel passato.

    Parto per la Bosnia per raccontare, appunto, la violenza che iracheni, pakistani e afghani subiscono al confine con l'Europa per poi essere respinti. Ma lì vado soprattutto per incontrare Milan. È lui – un italiano di seconda generazione, appena maggiorenne, cresciuto a Piacenza e ora rifugiatosi dai nonni bosniaci – che tra il 2018 e il 2019 ha organizzato un sistema di risse clandestine sul retro dei grandi magazzini del centro di una placida città di provincia. Li chiamavano “eventi”, mi dice, centinaia di ragazzini che si menavano senza regole e si riprendevano con il telefonino.

    • 20 min
    Trailer - Dal 14 gennaio una nuova serie

    Trailer - Dal 14 gennaio una nuova serie

    Da venerdì 14 gennaio ascolta "Cani violenti", una nuova serie in 4 episodi realizzata da Lorenzo Giroffi, un reporter che frequenta da sempre guerre, rotte migratorie e confini vietati. Iscriviti subito alla serie per ricevere la notifica dell'uscita di ogni nuovo episodio.

    Colpito dalla notizia di una rissa tra 400 adolescenti al Pincio, il colle da cui si vede Roma, Lorenzo ha raccolto le storie di chi “cerca ostinatamente uno spazio per la propria ferocia”: ragazzi appena maggiorenni che hanno organizzato un sistema di scontri clandestini nel centro di Piacenza; uomini trasformati in bestie efferate che hanno combattuto sotto il controllo della camorra e ne portano addosso i segni. Per lo stesso Giroffi si è trattato di un viaggio intimo, in piena pandemia. Un viaggio a ritroso, perché anche lui, in passato, è stato un cane violento.

    Lorenzo Giroffi (1986) ha seguito da vicino, tra gli altri, le primavere arabe, la battaglia di Mosul e il conflitto libico. Ha diretto "Eroi perduti", che ha vinto i premi come miglior cortometraggio e per la miglior regia al Digital Media Fest 2021. Ha pubblicato i libri "Ucraina, la guerra che non c'è", "La seconda vita di Majorana" e un romanzo per Rizzoli dal titolo "La linea della notte". Nel 2021 ha realizzato per Rai3 "Il cielo sopra Minsk", racconto sulle opposizioni clandestine a Lukhashenko.

    • 2 min

Recensioni dei clienti

5,0 su 5
6 valutazioni

6 valutazioni

Top podcast nella categoria News

Cecilia Sala – Chora
Radio 24
Il Post
Il Sole 24 Ore
BBC World Service
Corriere della Sera

Potrebbero piacerti anche…

Cecilia Sala – Chora
RSI - Radiotelevisione svizzera italiana
Sky TG24
Il Post